Diecimila auto in meno al giorno per la tangenziale di Como

tangenziale pedaggio bilancioDa quando è a pagamento il primo e unico lotto della tangenziale di Como è percorso ogni giorno da meno di tremila mezzi. Erano 14mila quando il tratto era gratuito. Di fatto 10mila automobilisti quotidianamente scelgono di percorrere altri tragitti, ovvero quelli che utilizzavano prima che fosse aperta la nuova viabilità che collega Villa Guardia allo svincolo dell’Acquanegra.

Su richiesta del consigliere regionale del Pd, Luca Gaffuri, la società Pedemontana ha fornito i dati relativi al traffico sulla tangenziale di Como. Numeri che confermano il sottoutilizzo dell’arteria da quando lo scorso primo novembre è entrato in vigore il pedaggio (0.63 centesimi di euro per meno di tre chilometri di percorso).

Nel periodo che va dal primo al 19 gennaio sulla tratta Acquanegra – Villa Guardia sono transitati complessivamente 27.779 veicoli mentre nella direzione opposta 25.790. La somma divisa per 19 giorni parla di 2819 auto al giorno. “Numeri insufficienti rispetto alle previsioni – commenta Gaffuri – che rischiano di trasformarsi in una doppia beffa: i comaschi, costretti a pagare il pedaggio, trovano alternativa mentre la società, a fronte di introiti irrisori, rischia il fallimento”.
A questo punto l’esponente del Pd compara la situazione attuale con quella relativa al periodo di gratuità. “Se si fa un confronto generale con ottobre il risultato è impietoso – commenta – parliamo del transito attuale di quasi 2.819 mezzi al giorno rispetto ai 14mila di quanto il tratto era gratuito. Questi numeri – sottolinea Gaffuri -pongono nuovamente il dubbio sulla sostenibilità del piano economico–finanziario della società e ci chiediamo ancora se non sia il caso di ripensare il sistema di tariffe e togliere il pedaggio della tangenziale di Como. La società Pedemontana Spa rinuncerebbe in tutto, secondo un’ipotesi fatta sui numeri a nostra disposizione – conclude il consigliere regionale del Pd – a soli 55mila euro al mese. L’alternativa è il serio rischio di fallimento”.
Al momento – lo ricordiamo – l’unica agevolazione messa in campo da Pedemontana riguarda i pendolari e prevede uno sconto del 50% per chi supera una specifica soglia di pedaggio mensile. La promozione sarà valida fino ad aprile 2016.

Tratto da Espansione TV

Articoli correlati