Diffamazione, assolta in Appello l’ex presidente della Provincia

Como, Villa Saporiti, sede della Provincia di Como

Assoluzione in secondo grado nell’ambito del processo a carico dell’ex presidente della Provincia di Como, Maria Rita Livio, accusata di diffamazione per aver dato del «mafioso» a un suo avversario politico, Giuseppe Riniti (Forza Italia). Il fatto risale al 12 ottobre 2014 in occasione delle elezioni provinciali poi vinte dalla Livio per il centrosinistra. Secondo quanto raccontato da Riniti, la Livio, dopo aver appreso che l’uomo era tra i quattro eletti per l’opposizione, avrebbe iniziato a pronunciare la frase «Riniti? Ah, Riniti, mafia, il mafioso». Espressione che aveva portato alla sentenza di condanna in primo grado a 2mila euro più altri 2000 di risarcimento del danno.

Decisione ribaltata dall’Appello che ha invece assolto la Livio perchè «il fatto non costituisce reato». La motivazione è attesa tra 90 giorni. «Posso solo rilevare come mi abbia sconcertato il fatto che una frase, nella specie un riferimento alla mafia, pronunciato in un contesto pubblico-istituzionale da parte di una membro delle istituzioni possa costituire un esercizio di un diritto di critica politica», ha commentato alla fine l’avvocato della parte civile Davide Arcellaschi, che preannuncia l’intenzione di valutare un «ricorso in Cassazione ai soli fini civili».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.