Disabili e Ztl, il riesame delle limitazioni. Sopralluogo l’8 marzo

Il giorno 8 marzo un sopralluogo in centro storico, con l’assessore Bruno Magatti e il comandante della polizia locale Donatello Ghezzo, per riesaminare il discorso delle recenti limitazioni imposte da Palazzo Cernezzi alle auto con pass per disabili nella Ztl. Qualcosa, dunque, potrebbe cambiare.
Lo annuncia Aldo Stoppani, consigliere comunale di Cantù, presidente della Commissione lavori pubblici e da sempre impegnato in prima fila con le associazioni di disabili.
Lo stesso Stoppani interviene sulla questione che riguarda le buche a Como, con particolare riferimento alle condizioni dei marciapiedi «che mettono in non poca difficoltà le persone con disabilità», spiega.
«A Cantù in questi anni è stato fatto molto sul discorso delle barriere architettoniche – afferma – Sono intervenuto in prima persona e ho girato a piedi tutta la città segnalando gli interventi da fare, che sono stati eseguiti. Mi sono offerto, a titolo completamente gratuito, per fare lo stesso a Como, ma sono stato rimbalzato da un amministratore all’altro. Alla fine non ho più saputo nulla».
«Al di là del discorso del ponte di via Badone – aggiunge Stoppani – che all’epoca abbiamo già contestato, posso dire che in città ci sono gravi problemi che riguardano le barriere architettoniche e purtroppo, quando l’ho fatto notare, non ho ricevuto riscontri». Poi conclude: «Fra i tanti problemi c’è quello dei marciapiedi che troppo spesso sono una trappola. Non posso che augurarmi una maggiore sensibilità e una volontà di risolvere questo problema».

Articoli correlati