Dodici mesi con Sant’Elia

Maestri lariani – È in distribuzione il calendario del Comune di Como dedicato al grande architetto futurista
Ghiotta anticipazione – da conservare gelosamente – della grande mostra sul futurista Antonio Sant’Elia ormai imminente nella Pinacoteca Civica di via Diaz 84 a Como. Il Comune del capoluogo partirà da gennaio con la distribuzione in 33mila copie (corrispondenti ad altrettante famiglie) del suo tradizionale “Calendario 2012” con 12 immagini (più la tredicesima in copertina) tutto dedicato, per l’appunto, al grande architetto lariano prematuramente scomparso durante la prima guerra mondiale. Le cui visioni stupiscono ancora per la loro profetica modernità.

La scelta del tema è caduta sui disegni conservati nella Pinacoteca e dedicati alla “Città Nuova”, l’immaginaria metropoli avveniristica alla Fritz Lang ideata dal grande futurista, ipotesi urbanistica di cui ricorrono nel 2012 i cento anni. I disegni per il calendario, accompagnati da utilissimi ingrandimenti di particolari, sono stati scelti da Chiara Rostagno, studiosa dell’architettura del Novecento, in collaborazione con la conservatrice di Palazzo Volpi Letizia Casati.
«Il percorso – annota la Rostagno descrivendo la carrellata – ha inizio con lo schizzo per una torre faro, che è stato poi tradotto tra il 1931 e il 1933 da Giuseppe Terragni (a partire dalla rielaborazione dello schizzo di Sant’Elia eseguita da Prampolini) nella mole monumentale del Monumento ai Caduti di Como. Il confronto tra lo schizzo giovanile e il monumento cittadino permette di prendere confidenza con l’opera di Sant’Elia, di toccarla con mano e sentirla propria, tangibile. Seguono centrali elettriche, stazioni, edifici pubblici e religiosi, strade e viadotti brulicanti di vita, opere di architettura residenziale».
la mostra
Come detto, il calendario anticipa la tanto attesa mostra della primavera 2012 nella Pinacoteca, parallela a quella di Villa Olmo sulla dinastia fiamminga dei Bruegel. I curatori, Luciano Caramel e Alberto Longatti (che mezzo secolo fa firmarono una fondamentale mostra su Sant’Elia a Villa Olmo) hanno fissato per la rassegna il periodo dal 20 aprile al 30 settembre. Non si potrà vedere “dal vivo”, come si sperava, tutto il Sant’Elia “pubblico” disponibile a Como (altri disegni sono di proprietà degli eredi). Lo si potrà fare solo virtualmente. Infatti, nel 2012 sarà esposta soltanto una selezione dei 164 disegni del maestro futurista conservati in Pinacoteca. Questo per ragioni di “taglio” critico dato alla mostra e anche per motivi di conservazione, dato che si tratta di lavori su supporti molto fragili. Saranno esposti al primo piano della Pinacoteca di via Diaz, in tre distinte salette e anche al secondo piano. Confermato poi il già annunciato apporto del Rotary Club che coprirà le spese delle postazioni multimediali grazie alle quali il pubblico potrà consultare a video tutta la collezione dei disegni. Che sarà riprodotta per intero anche sul catalogo cartaceo, edito in occasione della mostra. Per realizzare i due apparati, l’analogico e il digitale, sarà obbligatoria una nuova campagna fotografica ad alta definizione per immortalare tutti i disegni. Caramel con Longatti curò anche l’ultima tappa espositiva importante sull’architetto lariano celebre in tutto il mondo (il Guggenheim di New York ha chiesto a Como alcuni disegni per una mostra sul Futurismo prevista nel 2014). Fu sostenuta dal cavaliere Antonio Ratti a Ca’ Pesaro a Venezia (1991) e poi al Deutsches Architekturmuseum di Francoforte (1992). La mostra negli intenti di Ratti sarebbe poi dovuta approdare a Como dopo la tournée europea. Ma, purtroppo, per il Lario non se ne fece nulla. E ora l’evento del 2012, giusto vent’anni dopo, suona anche come un doveroso risarcimento postumo.
il buono spesa
Il calendario del Comune offre anche un’opportunità economica non trascurabile alle famiglie di Como. Agli inserzionisti è stato chiesto di partecipare all’operazione editoriale favorendo gli acquisti. Ogni mese del calendario ospita infatti un buono sconto da ritagliare e presentare al rispettivo punto vendita per ottenere sconti e agevolazioni. Il totale per ogni fascicolo è di 80 euro per un paniere del valore totale di 2 milioni e 640mila euro. Con l’aria di recessione che spira anche sul Lario, non è poco.

Lorenzo Morandotti

Nella foto:
L’architetto futurista lariano Antonio Sant’Elia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.