Dogo argentini sbranano cagnolina a passeggio

alt Cadorago. Intervento di Asl e Comune
Il proprietario dell’animale interviene, ma finisce al pronto soccorso
Doveva essere una tranquilla passeggiata con il proprio cagnolino meticcio al guinzaglio, ma si è trasformata in un dramma. Il tutto a causa di una coppia di dogo argentini che, dopo essere usciti dal giardino della proprietà privata in cui vivevano con i padroni, hanno aggredito la piccola bestiola sbranandola e uccidendola senza lasciarle scampo.

Una scena cruenta, alla vista della quale il proprietario dell’animale ha cercato di intervenire.
Caduto a terra, ha urtato il braccio, rendendo necessario l’arrivo sul posto anche dell’ambulanza del 118 giunta da Fino Mornasco. Il fatto si è verificato ieri mattina a Cadorago. L’aggressione dei due dogo argentini al piccolo bastardino è avvenuta qualche minuto prima delle 11. Il proprietario del cane meticcio nulla ha potuto fare per placare la furia dei due animali.
Visto l’accaduto, a Cadorago sono intervenuti anche i veterinari dell’Azienda sanitaria locale che hanno constatato quanto era appena avvenuto. I due dogo sono stati restituiti ai proprietari e verranno tenuti sotto controllo. I padroni saranno invece obbligati a seguire un apposito corso per chi cura e gestisce animali domestici. Inoltre, i cani saranno obbligati a portare la museruola e il guinzaglio. Ma l’Asl ha chiesto anche al Comune di Cadorago di intervenire sullo stesso proprietario, obbligandolo a mettere in sicurezza la recinzione in modo che, in futuro, i due cani non possano più scappare. I dogo argentini, fino al 2009, erano stati inseriti nella lista delle razze canine ritenute pericolose. Un elenco che aveva suscitato mille polemiche e che era poi stato eliminato tramite un’ordinanza.

M. Pv.

Nella foto:
Il dogo argentino fino al 2009 era inserito nella lista delle razze canine considerate pericolose

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.