Domani l’interrogatorio in carcere dei quattro arrestati

Bancarotta fraudolenta nell’Erbese
È fissato per domani l’interrogatorio in carcere dei quattro imprenditori dell’Erbese arrestati giovedì scorso con l’accusa di concorso in bancarotta fraudolenta.
Secondo la Procura, i comaschi, tutti attivi nel settore dell’installazione di impianti idraulici, costruzione di edifici residenziali e compravendita di beni immobili, avrebbero provocato ai creditori, in collaborazione anche con un commercialista milanese (a sua volta arrestato), un danno di 5,7 milioni di euro.
I comaschi
arrestati sono due fratelli, Alessandro e Gian Luca Pina, 43 e 42 anni, entrambi residenti a Erba; Paolo Colombo, 41 anni di Caslino d’Erba; Claudio Massari, 35 anni, residente a Longone al Segrino, cugino dei Pina. Per tutti, come detto, domani mattina è in programma l’interrogatorio di garanzia. «Confido che Claudio Massari possa chiarire già domani la sua posizione, che si distingue da quella degli altri – sottolinea Anna Maria Restuccia, legale del 35enne di Longone al Segrino – Il mio assistito è stato coinvolto esclusivamente nel caso del fallimento di un’azienda della quale è stato amministratore per soli due mesi, da luglio a settembre del 2009. La sua posizione si è compiuta e definita due anni fa in un arco di tempo brevissimo, credo sia giusto distinguere».
Secondo quanto accertato dagli uomini della guardia di finanza di Erba – coordinati dal sostituto procuratore di Como, Daniela Meliota, titolare delle indagini – attraverso raggiri e manovre contabili, i cinque arrestati avrebbero operato un sistematico svuotamento delle società a loro riconducibili, distraendo e dissipando risorse finanziarie, beni mobili e immobili. Nel complesso, il danno arrecato ai creditori delle aziende coinvolte supera i 5,7 milioni di euro.
Le fiamme gialle hanno sequestrato conti correnti, automobili, quote societarie e un capannone a Caslino d’Erba.

Anna Campaniello

Nella foto:
Interrogatorio al Bassone per gli imprenditori accusati di bancarotta fraudolenta

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.