Domani tutti a piedi per lo sciopero del trasporto pubblico

Venerdì nero – In mattinata non si potrà salpare sul Lario. Corse a rischio dalle 10 alle 14 per Brunate. Per i treni ritardi e soppressioni dalle 14 alle 18
Si fermano anche i battelli e la funicolare, disagi per i numerosi turisti che affollano il lago
Non solo battelli. Il secondo sciopero del trasporto indetto nel pieno della stagione turistica fermerà domani tutti i mezzi pubblici. Stop di quattro ore per i bus, i treni, i mezzi della funicolare e le imbarcazioni della Navigazione. Garantite solo le corse nelle fasce orarie di tutela obbligatoria.
Domenica 8 luglio, ad incrociare le braccia erano stati solo i dipendenti della Navigazione. Per domani invece le organizzazioni sindacali – Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Ugl, Faisa-Cisal – hanno proclamato uno sciopero nazionale
 di 4 ore. Inevitabili i disagi per i pendolari ma anche per i turisti. L’agitazione infatti è stata indetta nel pieno della stagione estiva.
Gli autobus di linea di Asf saranno garantiti solo fino alle 10 e dalle 14 in poi. Nella fascia centrale della giornata invece potrebbero saltare tutte le corse o quasi perché l’adesione dei lavoratori alla protesta si annuncia elevata. Gli impiegati e il personale dell’officina invece incroceranno le braccia dalle 14 alle 18.
Passando al settore che interessa più direttamente il turismo, i battelli della Navigazione rimarranno ancorati a riva dalle 9 alle 13. Il servizio riprenderà dopo le 13, ma non si escludono ritardi per le corse immediatamente successive alla fascia oraria interessata dalla sciopero. Per i viaggiatori che volessero maggiori informazioni o dettagli sulle singole corse è possibile consultare il sito www.navigazionelaghi.it.
Lo sciopero riguarderà anche il personale della funicolare che collega Como a Brunate. Corse a rischio dalle 10 alle 14, quando non sarà garantita alcuna partenza. Il personale degli uffici e dell’officina potrà astenersi invece dal lavoro nelle ultime 4 ore di servizio.
Sul fronte treni, i vertici di Trenord confermano che potrebbero saltare o subire ritardi tutte le corse previste dalle 14 alle 18. Possibili ripercussioni anche al termine dell’agitazione, alla ripresa del servizio. Lo sciopero potrebbe coinvolgere anche treni suburbani nel passante ferroviario, la linea Seveso-Camnago, il Malpensa Express e il collegamento tra Bellinzona e l’aeroporto di Malpensa. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti in tempo reale sono disponibili sul sito www.trenord.it oppure chiamando il numero verde 800.500.005 o ancora nelle stazioni agli sportelli My link point.

Anna Campaniello

Nella foto:
Trasporto pubblico fermo al palo nella giornata di domani per lo sciopero nazionale di quattro ore indetto dai sindacati

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.