Domeniche gratis ai musei, Como assente

Pinacoteca di Brera

Impazzano le domeniche gratis al museo. Domenica scorsa, 5 gennaio, è tornata l’iniziativa introdotta nel luglio del 2014 dal ministro per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo Dario Franceschini, che prevede l’ingresso gratuito in tutti i musei e nei parchi archeologici statali ogni prima domenica del mese. Ma nell’elenco ministeriale in cui figurano città per città i musei gestiti dal Mibact e alcuni Musei civici e privati che hanno aderito all’iniziativa, Como non c’era.
In compenso, a Milano si sono registrate lunghe file nei musei con ventimila persone che hanno visitato i poli d’arte civici nel giorno di ingresso gratuito o ridotto. Il record lo ha registrato il Museo di Storia naturale con 4.853 visitatori, seguito dal Museo del Novecento che ha totalizzato 4.300 presenze. Un migliaio di visitatori sono andati inoltre alla scoperta della mostra dedicata a Canova e duemila hanno visitato la mostra multimediale dedicata a Leonardo da Vinci. Oltre quattromila persone, un record, si sono messe pazientemente in coda per visitare la Pinacoteca di Brera, nella foto.
A Como le domeniche a ingresso gratuito non risultano previste. Nel marzo 2019, con assessore alla Cultura Simona Rossotti, Como non aderì neppure a “ #iovadoalmuseo”, settimana di apertura gratuita dei musei di tutta Italia nell’ambito della campagna nazionale del ministero dei Beni e delle Attività culturali.
In attesa di sapere se per il 2020 ci saranno decisioni diverse, questo dicembre si è registrata – fa sapere l’assessore attuale alla Cultura, Carola Gentilini – l’apprezzamento per la mostra “GirinGiostra” allestita in Pinacoteca che ha ottenuto un buon numero di presenze.


Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.