Don Guanella santo tra un mese. Fedeli in preghiera in via Grossi

Verso la canonizzazione
Tra poco più di un mese il beato lariano don Luigi Guanella sarà proclamato santo da papa Benedetto XVI nella basilica di San Pietro. In preparazione del grande evento della canonizzazione che è in programma per domenica 23 ottobre in piazza San Pietro, ieri l’urna che contiene le spoglie del religioso comasco è stata rimossa dalla cappella che attualmente la ospita e portata davanti all’altare maggiore, nel Santuario del Sacro Cuore di Como, per permetterne la venerazione.
Per l’occasione

il santuario di via Tommaso Grossi è stato di recente vestito a festa, con la tinteggiatura delle pareti, la posa dei dipinti del maestro lariano Mario Bogani che raffigurano le sette opere di misericordia spirituale e le sette opere di misericordia corporale, a far da corona al fondatore dell’opera guanelliana. Il quale, seduto sullo scanno che Gesù gli ha preparato, sorretto da due angeli che raffigurano rispettivamente la Preghiera e la Sofferenza, indica quelle opere di misericordia come il terreno di elezione per tutti i suoi seguaci. Sono state anche collocate le nuove vetrate policrome, realizzate anche con il contributo della Fondazione Cariplo. Ieri sera il mese che precede la canonizzazione è stato inaugurato da una messa presieduta dal superiore provinciale dei Guanelliani, don Remigio Oprandi. Oggi è prevista una solenne celebrazione alle 11.30, presieduta dal superiore generale dei Guanelliani, padre Alfonso Crippa.

Nella foto:
Don Remigio Oprandi accanto alla teca che custodisce il corpo del beato don Luigi Guanella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.