Don Marco: spuntano lettere di scuse alle vittime scritte la sera dell'arresto

don marcoSarebbero ora nelle mani del suo avvocato in attesa di momenti più opportuni per essere consegnate

Lettere di scuse, inviate alle proprie vittime la sera stessa dell’arresto, il 7 marzo 2012. Missive poi consegnate nelle mani del suo avvocato che ora, prima di essere spedite alle rispettive destinatarie, attendono  momenti migliori. E’ questo il nuovo risvolto della vicenda di don Marco Mangiacasale, l’ex parroco di San Giuliano in cella per violenza sessuale continuata ai danni di cinque ragazzine minorenni dell’oratorio.

Il prete, proprio la sera in cui scattarono le manette, prese carta e penna e scrisse sul foglio le sue scuse da portare alle vittime e alle famiglie. Ma, negli scritti, avrebbe fatto anche riferimento ad un percorso di apertura già intrapreso con un prelato amico, cui tuttavia non era riuscito a confessare fino in fondo quanto stava avvenendo .  Per la cronaca, parole di scuse erano già state espresse dal prete anche nel corso dell’interrogatorio davanti al giudice delle indagini preliminari di Como, quando disse: «Per quanto possibile bisogna rialzarsi e non fuggire rispetto agli errori commessi, ho bisogno di chiedere scusa alle famiglie, e non pretendo ovviamente il perdono; di chiedere scusa alla comunità ecclesiale e, in ultimo, ai tanti giovani per i quali ho sempre avuto una grandissima passione».  (M.Pv.)

L’approfondimento sul numero del “Corriere di Como” in edicola domani

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.