Donati un milione e 700mila euro al Valduce. Acquistati dispositivi di protezione individuale e macchinari

Valduce Ospedale Como

Un sostegno concreto per l’emergenza Coronavirus: in questo periodo difficile, che ha messo a dura prova tutti, in primis medici e infermieri, l’ospedale Valduce ha ricevuto una donazione di un milione e 700mila euro, frutto della generosità dei cittadini comaschi e lecchesi, in riferimento anche al presidio riabilitativo “Villa Beretta” di Costa Masnaga. La somma è arrivata grazie alla raccolta promossa dal presidio stesso, dalla Fondazione Provinciale della Comunità Comasca, ma anche da altre associazioni del territorio, da aziende e tanti singoli cittadini. Le risorse sono state destinate all’acquisto di dispositivi di protezione individuale – dunque mascherine, tute, guanti, visiere e calzari – farmaci, apparecchiature e forniture sanitarie quali ventilatori, broncoscopi, elettrocardiografi, ecografi, defibrillatori, ossigeno e gas medicali.
Grazie alla solidarietà ricevuta, è stato possibile anche investire in attrezzature, come monitor multi-parametrici e nuovi letti per la Terapia intensiva, che si sono rivelate utili per il periodo emergenziale e che lo saranno ancora per continuare a offrire ai cittadini livelli di cura qualitativamente elevati.
«Una parte di queste risorse – fa sapere l’ospedale – sarà infine utilizzata per un riconoscimento economico straordinario al personale, per l’impegno e la dedizione profusi». La pandemia ha costretto a restare lontani e distanti «ma la generosità e la solidarietà dei comaschi e dei lecchesi ci ha mantenuti uniti in un grande abbraccio», dichiarano la procuratrice speciale Mariella Enoc e la Madre generale suor Emanuela Bianchini a nome della Congregazione delle Suore Infermiere dell’Addolorata.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.