Donna moldava trovata senza vita nella neve. I familiari non avevano sue notizie da sabato

Nei boschi di via Castel Baradello
Il suo corpo assiderato è stato trovato solo ieri pomeriggio, in una zona boschiva della via Castel Baradello, in mezzo alla neve. Probabilmente la donna, una 48enne di origine moldava, era morta già da sabato scorso, quando il suo telefono ha cominciato a suonare a vuoto. Ancora mistero sulle cause del decesso, che potrebbe essere stato provocato dal freddo o da un malore, poi aggravatosi a causa delle temperature rigide di questi giorni.
La tragedia è stata scoperta ieri pomeriggio, quando
un passante ha individuato il corpo di una donna a terra, accanto a una scalinata che porta al monte Baradello, e ha chiesto l’intervento del 118. Sul posto è stata inviata immediatamente l’automedica dell’ospedale Sant’Anna. Il soccorritore, però, si è reso subito conto che non c’era nulla da fare perché la donna era morta, probabilmente da tempo. Il corpo era assiderato.
Del ritrovamento del cadavere sono stati subito informati gli agenti della Questura, intervenuti per i rilievi. Il corpo della donna è stato poi trasportato all’ospedale Sant’Anna, dove sarà probabilmente effettuata l’autopsia. In attesa dell’accertamento, resta difficile stabilire la causa della morte, che potrebbe risalire a sabato, quando il figlio e i familiari della 48enne, residenti a Parma, hanno perso i contatti con la donna. Impossibile, al momento, escludere qualsiasi ipotesi, anche se dalle prime verifiche tutto farebbe pensare a una morte naturale.
Gli agenti della Questura stanno lavorando per accertare se la donna fosse residente a Como o se invece fosse senza fissa dimora. Informazioni che dovrebbero arrivare dai familiari giunti già ieri a Como e naturalmente sconvolti dalla tragedia. Del dramma è stata informata, come da prassi, anche la Procura del capoluogo.

Anna Campaniello

Nella foto:
Uno dei sentieri che da via Castel Baradello conducono al Parco della Spina Verde attraverso i boschi (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.