Doping: atletica, keniano Manangoi sospeso per due anni

Assente a 3 controlli a sorpresa

(ANSA) – ROMA, 13 NOV – Il keniano Elijah Manangoi, campione del mondo dei 1.500 nel 2017, è stato sospeso due anni per aver mancato tre controlli antidoping, non rispettando l’obbligo di dimora, ha reso noto l’Athletics Integrity Unit (AIU). Sospeso provvisoriamente da luglio, Manangoi (27 anni) salterà le Olimpiadi di Tokyo, rinviate all’estate 2021. Secondo la sentenza, "avrebbe accettato le conseguenze della sua violazione del regolamento antidoping". Manangoi è stato ritenuto colpevole di aver saltato tre controlli a sorpresa nel 2019: il ;;3 luglio, il 12 novembre e il 22 dicembre. Secondo le norme antidoping in vigore, gli atleti devono indicare la loro posizione geografica alle autorità antidoping con 90 giorni di anticipo per consentire test fuori gara, senza preavviso, tutti i giorni dell’anno. La sospensione parte dal 22 dicembre 2019 e terminerà il 21 dicembre 2021. Manangoi ha vinto l’argento ai Mondiali 2015 a Pechino, prima di vincere l’oro mondiale due anni dopo a Londra. Aveva rinunciato ai Mondiali 2019 una decina di giorni prima della competizione, a causa di un infortunio alla caviglia. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.