Doping Russia: Bach al Tas "serve una decisione chiara"

Appello n.1 Cio

(ANSA-AFP) – LOSANNA, 10 GEN – Il Cio ha bisogno di una decisione "che non lasci spazio all’ interpretazione" sul bando della Russia dalle competizioni internazionali deciso il mese scorso dall’Agenzia mondiale antidoping (Wada). Lo ha detto il presidente del Comitato olimpico internazionale, Thomas Bach, il giorno dopo la richiesta della stessa Wada al Tribunale arbitrale dello sport (Tas) di pronunciarsi in merito, approvando il bando o accogliendo il ricorso presentato dalla Russia. "Ciò che è importante per il Cio e le federazioni internazionali è che ci sia una decisione chiara – ha affermato Bach al termine della 135/a Sessione a Losanna, città che è anche sede del Tas -. Se c’è spazio per l’interpretazione, ciò porterebbe ad un caos totale. Speriamo poi che la decisione venga presa il più rapidamente possibile in modo da poter prendere le misure necessarie. Ciò riguarda non solo gli atleti ma molte altre questioni", ha aggiunto. Nonostante l’esclusione della Russia, gli atleti di quel Paese potranno partecipare alle competizioni, e quindi anche alle Olimpiadi, sotto bandiera neutrale, a condizione che dimostrino di non essere coinvolti nello scandalo del doping nel Paese. Sotto accusa è l’Agenzia antidoping russa (Rusada), che secondo la Wada ha manipolato i dati di laboratorio per nascondere l’uso illegale di doping da parte degli atleti. (ANSA-AFP).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.