Doppio colpo di Cantù: Gentile e Ragland

alt

Basket Cantù sul mercato
Ufficiale la firma dell’azzurro, vicina quella dell’americano

Primo colpo di mercato messo a segno dalla Pallacanestro Cantù. Dopo i sudori freddi provocati dall’annuncio shock della famiglia Cremascoli – disposta a mollare la gestione del club brianzolo tra una stagione se non arriveranno nuovi partner a sostegno – ecco che ieri tutto l’ambiente biancoblù è stato riscaldato dall’annuncio del primo grande rinforzo per la stagione sportiva 2013-2014.
Dopo le indiscrezioni degli scorsi giorni è stato ufficializzato l’ingaggio

di Stefano Gentile, 24enne playmaker, figlio d’arte del grande Nando e fratello maggiore di Alessandro, punto di forza dell’Aj Milano, con cui vivrà un derby davvero speciale.
Cantù è riuscita a battere in volata la concorrenza di grandi club, Siena in primis, proprio per precisa volontà di Gentile, pupillo di coach Stefano Sacripanti che, dopo averlo fatto esplodere a Caserta, ora lo ritroverà in Brianza.
«Siamo felici – commenta il diesse Cantù, Daniele Della Fiori – che un giocatore in grande crescita come Stefano abbia accettato la nostra proposta. Gentile sarà un tassello fondamentale nel roster della nostra squadra, anche per la sua capacità di giocare sia nel ruolo di playmaker, sia in quello di guardia».
Sprizzano soddisfazione anche le prime parole da neobiancoblù del forte esterno campano: «Sono molto contento – commenta Stefano Gentile – di essere arrivato in una società importante e con una storia prestigiosa come Cantù. Un club che gode di grande seguito ed affetto dei suoi tifosi come ho potuto notare giocando al Pianella con la maglia di Caserta. Spero ovviamente di dare il mio contributo affinché questo entusiasmo sia addirittura maggiore nella prossima stagione».
Nato a Maddaloni il 20 settembre del 1989, Gentile ha esordito in Legadue proprio con la canotta di Caserta nella stagione 2005-2006 prima di passare a Imola, sempre in Legadue. Quindi l’approdo in serie A a Milano nell’annata 2007-2008, con cui ha giocato 11 partite di campionato. L’anno successivo si è trasferito ad Ostuni, in B, poi a Trento, in serie A dilettanti. Nell’estate del 2010 il play è tornato in Legadue, a Casale, e ha giocato distinguendosi con quasi 7 punti, 2 assist e 2 rimbalzi di media.
Quindi il ritorno a Caserta nella stagione scorsa dove, come detto, con la Juve è esploso sotto la guida di coach Sacripanti con 10,1 punti, 3,1 rimbalzi e 2,5 assist di media a match.
Un colpo che sposa la linea azzurra di Cantù, visto che Gentile è play della Nazionale sperimentale e va ad aggiungersi a Pietro Aradori, Marco Cusin e al giovane Abass Awudu che, proprio oggi, esordisce negli Europei Under 20 in Estonia con la Francia.
Ma le novità per i tifosi biancoblù non sono finite qui: la Pallacanestro Cantù ha in canna un altro colpo, di quelli grossi. Gli uomini mercato biancoblù, infatti, stanno perfezionando l’accordo con Joe Ragland, il talentuoso play americano arrivato nell’ultima parte della stagione scorsa, ma subito capace di cambiare le sorti del team biancoblù guidandolo fino alla semifinale scudetto.
La sua riconferma era stata auspicata prima di tutto dai tifosi che, nelle prossime ore, potrebbero essere accontentati. Un doppio colpo ad effetto quindi, che va a completare nel modo migliore la cabina di regia biancoblù assicurando all’allenatore Sacripanti un tandem di assoluto valore.

Andrea Piccinelli

Nella foto:
In Brianza
Sopra, Stefano Gentile, con la maglia della Juve Caserta, in azione al Pianella contro quella che ora diventerà la sua nuova formazione. In alto a destra, Joe Ragland: è vicinissima la conferma dello statunitense

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.