Dorme nelle cantine di un palazzo di Cantù: svegliato, aggredisce gli agenti

La polizia locale di Cantù

Dormiva nelle cantine di un palazzo di via Galianello a Cantù. Alcuni residenti si sono accorti di lui e, nel pomeriggio di lunedì (intorno alle 16.15) hanno prima contattato l’amministratore dello stabile, poi la polizia locale della “Città del mobile”. Sul posto sono così arrivati gli uomini del radiomobile che si sono trovati di fronte ad un ghanese di 23 anni, regolare in Italia e con un permesso di soggiorno prorogato per la pandemia fino al 31 dicembre 2020. Alla vista degli agenti, il ragazzo si è avventato contro, colpendo un vigile e causandogli lesioni poi medicate al pronto soccorso con una prognosi di 5 giorni. Gli agenti, per riportare la calma, hanno utilizzato anche lo spray al peperoncino. Il ghanese è stato arrestato e processato per direttissima, con le ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Ha scelto di patteggiare la pena che è stata quantificata in 10 mesi. Il 23enne è poi tornato in libertà con l’obbligo di firma alla polizia giudiziaria. Il suo nome è stato iscritto sul registro degli indagati anche per il reato di «invasione di terreni o edifici», ovvero per aver occupato senza permesso le cantine dello stabile del centro di Cantù.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.