Dormitorio, frattura in maggioranza. Fratelli d’Italia attacca la Lega

Senzatetto

La maggioranza a Palazzo Cernezzi si spezza sulla questione dormitorio permanente di Como. Dopo più di un mal di pancia per la mancata soluzione della questione, ieri sera è stato il capogruppo di Fratelli d’Italia, Matteo Ferretti ad attaccare direttamente la Lega, con cui il partito di Giorgia Meloni siede nelle giunta Landriscina.
«La situazione del dormitorio viene continuamente strumentalizzata, soprattutto in seguito alle ultime uscite della Lega, che ci accusa di voler attirare migranti irregolari nella nostra città», attacca Ferretti.
«Abbiamo votato, ormai un anno fa, una mozione per la creazione di un dormitorio permanente che permettesse di accogliere i senzatetto della città e il consiglio, che è sovrano, si è espresso a favore», ricorda. Fratelli d’Italia aveva chiesto regole precise per l’accesso.
«Nessuno, tra noi, ha mai parlato di irregolari e clandestini». «Locatelli e Zoffili che soluzioni reali hanno offerto all’emergenza dei senza fissa dimora nella nostra città? Ho sentito solo grandi slogan e basta», attacca ancora Ferretti citando la parlamentare della Lega, Alessandra Locatelli, ex ministro ed ex assessore della giunta Landriscina.
«Ma non si rendono conto di quella che è oggi la situazione indecorosa della città?» chiede ancora il capogruppo di Fratelli d’Italia. «Da San Francesco, passando per i portici del liceo Volta in via Cesare Cantù, dove peraltro sono tutti italiani, per l’ex scalo merci, i portici del Crocifisso con i suoi accampamenti». «Secondo la Lega i comaschi non hanno il diritto di godere di una città decorosa e presentabile?» chiede ancora Ferretti, che fa riferimento anche a un recente episodio di violenza tra alcuni senzatetto.
«Chiediamo al sindaco e alla giunta di mettere la parola fine a questa situazione di stallo», conclude.
Parole simili erano state utilizzate anche da Patrizia Lissi, consigliere del Pd a Palazzo Cernezzi. «La Lega è riuscita a guadagnarsi un nuovo record di bassezza: raccoglie firme per negare un’accoglienza dignitosa alle decine di persone costrette a dormire per strada. Con che coraggio si negano i diritti?», scrive in una nota Patrizia Lissi.
«Un ulteriore paradosso è poi quello che la Lega ha creato il problema enorme oggi sotto gli occhi di tutti, chiudendo il campo di via Regina, già attrezzato e riutilizzabile per i senzatetto», sottolinea la rappresentante del Partito Democratico.
Quindi l’attacco ad Alessandra Locatelli.
«Le chiediamo di nuovo: dove sono finiti gli 840mila euro del progetto di housing first “Strade verso casa” che era stato concepito proprio con quell’obiettivo e che lei stessa aveva assicurato sarebbe entrato in funzione?».

Articoli correlati

1 Commento

  • Sergio , 24 Giugno 2020 @ 11:58

    Perché non utilizzare la vecchia caserma della Gdi F. Di Como SanGiovanni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.