Dramma sulla Regina: 30enne finisce contro il guard rail e muore

L’incidente domenica nel primo pomeriggio. Fatali le ferite riportate per l’impatto con le barriere poste a protezione della carreggiata. Vano il disperato intervento al San Raffaele
La vittima, una donna di Cabiate, era in sella alla moto condotta da un 24enne di Cassina Rizzardi
La notizia, tragica, si è diffusa solo nella serata di ieri. Ambra Cappellini, 30enne di Cabiate, non ce l’ha fatta. Fatali alla donna si sono rivelate le ferite riportate nell’incidente stradale che l’ha vista coinvolta nel primo pomeriggio di domenica lungo la statale Regina.
La donna era in sella a una Ducati 999 condotta da un 24enne di Cassina Rizzardi quando, per cause ancora in corso di accertamento da parte della Polizia stradale di Como, la moto ha sbandato ed è finita sull’asfalto.
La caduta è avvenuta
 nel territorio del comune di Laglio, nei pressi del curvone lungo la tristemente famosa e pericolosa arteria viabilistica che costeggia la sponda occidentale del Lario. Sia il ragazzo, che era alla guida, sia la donna sono finiti sull’asfalto scivolando per diversi metri, mentre la moto impazzita fermava la sua corsa vicino a un pullman turistico che è comunque riuscito a evitare l’impatto con il mezzo.
Stando alle prime ricostruzioni della dinamica della tragedia, i due centauri avrebbero fatto tutto da soli. Le condizioni di Ambra Cappellini sono apparse da subito le più gravi. La 30enne, nella scivolata, è finita contro il guard-rail subendo, a causa dell’impatto con la barriera metallica, l’amputazione di una gamba.
Sul posto sono giunte prima due ambulanze, poi l’elisoccorso che ha trasportato la donna al San Raffaele di Milano. L’intervento d’urgenza a cui la 30enne è stata sottoposta, nel tentativo di salvare l’arto e di porre rimedio a una situazione clinica precaria, non è però riuscito a evitare conseguenze drammatiche. E nel pomeriggio di ieri, il cuore della donna ha cessato di battere.
L’altroieri la vittima, in sella alla Ducati condotta dal 24enne di Cassina Rizzardi, stava procedendo lungo la Regina in direzione di Argegno. In seguito all’incidente la statale è rimasta chiusa per circa due ore, con pesanti ripercussioni anche al traffico che, come ogni domenica durante la bella stagione, è particolarmente intenso. Il ragazzo che era alla guida della potente moto ha, per fortuna, riportato danni fisici di minore entità e non è in pericolo di vita. La polizia stradale, nel frattempo, ha già allertato la procura cittadina che sull’incidente ha aperto, come prevede la prassi, un’indagine.

Mauro Peverelli

Nella foto:
La donna è stata trasportata a Milano dall’elisoccorso

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.