Droga a Cantù, conclusi gli interrogatori: rimangono tutti in silenzio

caserma Carabinieri di Cantù

È continuato il silenzio degli arrestati dai carabinieri al termine delle indagini sulle attività di spaccio che avvenivano in centro soprattutto in occasione delle serate del “Mercoledrink”. I cinque indagati finiti in carcere già si erano avvalsi nei giorni scorsi della facoltà di non rispondere, e lo stesso è avvenuto con il 37enne di Guanzate e il coetaneo canturino che erano invece finiti ai domiciliari. I due, assistiti dagli avvocati Pietro Mario Vimercati e Rocco Romellano, hanno infatti scelto di rimanere in silenzio davanti al gip che aveva firmato l’ordinanza a loro carico.
I clienti dei presunti spacciatori avevano dai 14 ai 40 anni e oltre. Cercavano soprattutto marijuana e cocaina e davano appuntamento agli spacciatori in diverse zone della città di Cantù o nei dintorni. Il giorno clou era, come detto, il mercoledì, quello dell’ormai noto Mercoledrink. Movida e spaccio. Centinaia di persone in piazza e nelle strade, anche nell’estate della pandemia, e pusher pronti a fornire sostanze stupefacenti a chiunque le volesse. Un commercio fiorente sul quale i carabinieri della compagnia di Cantù hanno indagato per mesi, fino ad arrivare, la settimana scorsa, all’esecuzione di sette ordinanze.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.