Droga tra gli studenti, il problema è reale. Si intensificano i controlli della polizia locale

Como Polizia locale in moto

Droga tra gli studenti, le attività di prevenzione della polizia locale di Como continuano a evidenziare come il problema sia reale. Da inizio anno e fino a metà febbraio i controlli eseguiti nei pressi degli istituti cittadini hanno portato a individuare quattro giovani (due maggiorenni e due minorenni), segnalati al Prefetto perché in possesso di modiche quantità di droga (circa 5 grammi di marijuana e hashish), poi sequestrate.
I controlli, nell’ambito del progetto “Scuole Sicure” che vede coinvolti il Comune e la Prefettura di Como, si sono rivelati particolarmente efficaci grazie anche al coinvolgimento delle unità cinofile.
Come di consueto la polizia locale, in collaborazione con i presidi e i docenti, ha effettuato una serie di ispezioni prima del suono della campanella. Negli ultimi giorni, sotto la lente di ingrandimento sono finite le aree in prossimità dell’Istituto tecnico Caio Plinio, del Liceo Casnati e dell’istituto Pascoli di via Mentana.
Uno studente diciottenne è stato denunciato a piede libero per spaccio poiché colto in flagranza alla stazione di Como Borghi mentre cedeva dell’hashish a uno studente minorenne in cambio di denaro. Al 18enne è stata anche contestata l’aggravante prevista nei casi di spaccio effettuato a minorenni e in prossimità dei plessi scolastici. A seguito di perquisizione sono stati rinvenuti indosso al “pusher” 10 grammi di hashish.
Nel corso dei servizi mirati a contrastare il fenomeno anche in altre zone della città, durante un controllo su un gruppo di studenti in piazza Vittoria, nello zaino di un minorenne è stato trovato un cellulare di cui il ragazzo non era in grado di giustificare la provenienza, pertanto il giovane è stato deferito alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Milano per il reato di ricettazione. I risultati conseguiti ad inizio 2020 confermano la diffusione del fenomeno fra gli studenti con consumi e cessioni di droghe nei pressi delle scuole.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.