Cultura e spettacoli

Due “app” per i visitatori di Expo

altLe iniziative dell’Ordine degli Architetti e dell’amministrazione provinciale
L’informatica al servizio della cultura: i tesori dell’architettura razionalista si scoprono a piedi, certo. Ma anche sfiorando con un dito la superficie trasparente di uno smartphone e di un tablet. L’Ordine degli Architetti di Como, insieme con Confindustria e il progetto del Politecnico di Como LaPS – Lake Poli School, ha lanciato un anno fa “COMO Razio”, applicazione appunto dedicata al patrimonio razionalista del Novecento a Como, che accompagna il visitatore, con strumenti di geolocalizzazione

, in una passeggiata architettonica nel contesto urbano di Como. È stata sviluppata per la tecnologia Android ed è scaricabile gratis. I punti di forza sono la facilità di download, l’interfaccia semplice e intuitiva, una grafica accattivante e la precisione dei contenuti, in italiano e in inglese. Una app che guarda al futuro, cioè a Expo, e parte dal Futurismo. Infatti tutto ha preso spunto da “Tracce del Futuro”, il percorso sul Futurismo comasco che l’Ordine ha realizzato in città nel 2012. L’itinerario proposto si snoda lungo un percorso urbano che tocca otto architetture simbolo del Razionalismo comasco. Va ricordato che, nel 2012, l’Ordine degli Architetti lanciò un itinerario fisico originale, Le tracce del futuro. Il cuore razionalista di Como, creando una rete di luoghi – comprendente la Casa del Fascio (o meglio l’Isola del Razionalismo, ossia Casa del Fascio ed ex Uli), il lungolago, i giardini, lo stadio, la proto-città razionalista, la passeggiata Gelpi, Villa Olmo – segnalati da lettere di grande formato, che tutte insieme componevano la scritta «Razionalismo».
Ampliando lo sguardo al territorio, il settore Cultura della Provincia lo scorso anno ha presentato poi la sua app “Razionalismo in provincia di Como”, gratis su iTunes, dedicata a 10 edifici lungo la sponda occidentale del Lario, nei comuni di Tremezzo, Ossuccio e sull’Isola Comacina passando per Cernobbio (Casa Cattaneo) fino a Como (quasi tutto il quartiere razionalista è rappresentato e presto si aggiungeranno l’ex sede Uli, la Canottieri Lario e la Casa del Balilla con l’annesso Stadio). L’iniziativa, finanziata nell’ambito del progetto “Ecolarius”, è stata sviluppata da Davide Orlando. Una voce narrante in tre lingue (italiano, inglese e tedesco) illustra la storia, le principali caratteristiche architettoniche e brevi approfondimenti per ciascuno dei punti di interesse. Una mappa interattiva permette di visualizzare sia l’itinerario che la posizione degli edifici, con le informazioni più utili e con centinaia di immagini. La app si concentra sulle opere di Giuseppe Terragni, Cesare Cattaneo e Pietro Lingeri. Online sono disponibili gratis anche i podcast delle tracce audio prodotte per la app. Si attende a breve l’arrivo sulla piattaforma Android.

Nella foto:
Promozione nello spirito della “rete”
17 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto