Due passatori condannati a 4 anni e 5 mesi

Giustizia

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: condannati ciascuno a 4 anni e 5 mesi di reclusione un 25enne del Mali e un 57enne tunisino, residenti a Uggiate Trevano e Ponte Chiasso, accusati di essere dei passatori. I due avrebbero aiutato centinaia di immigrati irregolari a raggiungere la Svizzera, varcando il confine a Ronago e Ponte Chiasso, facendosi pagare ogni volta circa 50 euro.

L’accusa, con il pubblico ministero Alessandra Bellù, aveva chiesto una condanna a 6 anni dei due immigrati, residenti da molto tempo a Como, difesi dagli avvocati Rita Mallone e Emanuele Rosapinta. La sentenza di primo grado, pronunciata nelle scorse ore in Tribunale a Como condanna i due a 4 anni, 5 mesi e 10 giorni.

Quando saranno rese note le motivazioni, le difese presenteranno quasi certamente ricorso in Appello.

In base a quanto ricostruito dall’inchiesta i due avvicinavano i migranti nelle stazioni, nella zona della dogana o nei centri di accoglienza, per poi accompagnarli al confine, fornendo loro anche una mappa con le indicazioni, scritte a mano per oltrepassare la frontiera e approdare in Svizzera.

I passatori condannati sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
Un terzo indagato, un gambiano di 21 anni, aveva già patteggiato. L’indagine della guardia di finanza è relative all’estate del 2017.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.