Sport

La morte di Stefano Borgonovo. Como piange il suo campione sconfitto dalla Sla

borgo01Stefano Borgonovo, indimenticato campione cresciuto nel Como, non ce l’ha fatta. L’ex giocatore, malato da tempo di Sla, è scomparso giovedì all’età di 49 anni. Nato a Giussano il 17 marzo del 1964, Stefano Borgonovo era cresciuto nel vivaio del Como e, dopo essere stato mandato a crescere alla Sambenedettese,  è stato tra i protagonisti con la squadra lariana in serie A negli anni ’80 con i suoi gol e i guizzi sotto porta. Dopo aver militato con gli azzurri è stato protagonista con le maglie di Fiorentina, Milan, Udinese, Brescia e Pescara.

Vanta anche presenze con le Nazionali Under 21 e maggiore. Al termine della carriera da giocatore aveva intrapreso quella da allenatore e aveva lavorato proprio nel settore giovanile del Como, prima di essere costretto a fermarsi dopo essere stato colpito dalla Sla. Per anni ha combattuto la sua battaglia e insieme con i familiari ha dato vita a una Fondazione che portava il suo nome che aveva tra gli scopi favorire la ricerca e aiutare i malati di Sla. Borgonovo è rimasto sempre legato al Calcio Como e poche settimane fa le sue parole di incoraggiamento alla squadra azzurra, mandate alla trasmissione “Etg+ Sport”, erano state appese negli spogliatoi di Orsenigo alla vigilia della gare decisive dell’ultima stagione, e la salvezza anticipata dei lariani gli era stata dedicata. “Il Como non muore mai” aveva commentato.

Per lui era arrivata, in tanti modi, la solidarietà del mondo del calcio: tra i personaggi che lo avevano visitato nella sua casa di Giussano, Michel Platini, Cesare Prandelli, Davide Beckham, Roberto Baggio, Filippo Inzaghi, Carlos Dunga e Carlo Ancelotti. Indimenticabile una partita giocata in suo onore a Firenze, con Roberto Baggio che aveva spinto la carrozzina di Stefano per tutto il campo. E qualche anno fa, con il Como in serie D, Borgonovo era stato allo stadio Sinigaglia: una giornata commovente con tanti ex allenatori (come Rino Marchesi ed Emiliano Mondonico) ed ex giocatori che avevo voluto essere al suo fianco (tra loro Dan Corneliusson, arrivato apposta dalla Svezia). Era il settembre del 2008, prima del match con la Canavese. Il Comune di Como gli aveva assegnato nel 2009 l’Abbondino d’Oro, la massima benemerenza civica. Per ricordare Borgonovo, l’Italia ha giocato con il lutto al braccio nella semifinale di Confederations Cup contro la Spgna.

Borgonovo si aggiunge a un elenco purtroppo lungo di giocatori scomparsi a causa di questa malattia. E buona parte di loro hanno militato nel Calcio Como: lo storico capitano Adriano Lombardi, Albano Canazza, Celestino Meroni e Maurizio Gabbana. Tra gli atleti che avevano militato in altre squadre vi sono Gianluca Signorini, Fulvio Bernardini e Giorgio Rognoni.  

Massimo Moscardi 

Nelle immagini, un ricordo di Stefano Borgonovo: con la maglia del Como  (anche in una foto con Dan Corneliusson e Claudio Borghi), con quella della Nazionale e della Fiorentina (con il suo amico Roberto Baggio). C’è poi la consegna dell’Abbondino d’Oro di Como alla figlia Alessandra, uno scatto con il suo grande amico – ed ex capitano del Como – Giancarlo Centi, e quella della giornata al Sinigaglia (prima di Como-Canavese, nel 2008 in serie D), davanti allo striscione della Fossa Lariana. Senza dimenticare l’abbinamento tra la Fondazione Borgonovo e il Calcio Como nella seconda parte della stagione 2010-2011. 

borgo98borgo05borgo1borgo12borgo34borgo981borgoborghidanborgo100

27 Giu 2013

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto