Cronaca, Lavoro, Sanità, Territorio

È salvo il reparto di maternità di Gravedona

L'ospedale "Moriggia Pelascini" di Gravedona ed Uniti
L’ospedale “Moriggia Pelascini” di Gravedona ed Uniti

Gravedona sì, Chiavenna no. La sfida a distanza tra i reparti maternità dei due ospedali, messi in discussione dai numeri di un decreto ministeriale che impone la chiusura dei punti nascita in cui si fanno meno di 500 parti all’anno, è stata “vinta” dalla struttura sanitaria altolariana.

La conferma è arrivata direttamente dall’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, che ha incontrato i sindaci dell’Altolago e della Valchiavenna e spiegato loro i motivi per i quali l’Ats di Montagna ha deciso di sacrificare il punto nascita chiavennasco.

In sostanza, nella partita tra ospedali è emersa, sul piano «tecnico la presenza di caratteristiche più idonee e favorevoli per la permanenza in attività del punto nascite di Gravedona rispetto a quello di Chiavenna».

Lo stesso direttore generale dell’Asst della Valtellina, Giuseppina Panizzoli, aveva messo in evidenza la difficoltà di trovare pediatri e ginecologi per il presidio di Chiavenna.

 

1 Agosto 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto