Cronaca, Lavoro, Sanità, Territorio

È salvo il reparto di maternità di Gravedona

L'ospedale "Moriggia Pelascini" di Gravedona ed Uniti
L’ospedale “Moriggia Pelascini” di Gravedona ed Uniti

Gravedona sì, Chiavenna no. La sfida a distanza tra i reparti maternità dei due ospedali, messi in discussione dai numeri di un decreto ministeriale che impone la chiusura dei punti nascita in cui si fanno meno di 500 parti all’anno, è stata “vinta” dalla struttura sanitaria altolariana.

La conferma è arrivata direttamente dall’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, che ha incontrato i sindaci dell’Altolago e della Valchiavenna e spiegato loro i motivi per i quali l’Ats di Montagna ha deciso di sacrificare il punto nascita chiavennasco.

In sostanza, nella partita tra ospedali è emersa, sul piano «tecnico la presenza di caratteristiche più idonee e favorevoli per la permanenza in attività del punto nascite di Gravedona rispetto a quello di Chiavenna».

Lo stesso direttore generale dell’Asst della Valtellina, Giuseppina Panizzoli, aveva messo in evidenza la difficoltà di trovare pediatri e ginecologi per il presidio di Chiavenna.

 

1 agosto 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto