Ecco i migliori gioielli in vendita dalla collezione Palazzo Cernezzi. Per la pizzeria serve un milione

alt

Patrimonio pubblico
L’assessore Iantorno: «Non svenderemo nulla»

Non tutti possono propriamente essere definiti gioielli. Ma, nel complesso, si può sicuramente affermare che Palazzo Cernezzi sta per cedere al miglior offerente numerosi pezzi del tesoretto pubblico di cui dispone. L’annuncio ufficiale è arrivato lunedì scorso, con tanto di programma ufficiale delle alienazioni immobiliari in programma per gli anni 2013, 2014 e 2015. Si tratta di 24 immobili che, nell’arco del triennio, saranno messi sul mercato con un valore di partenza stimato dai tecnici

comunali pari a circa 6,6 milioni di euro.
Una somma notevolissima, dunque, che grazie al meccanismo dell’asta pubblica potrà salire anche notevolmente. E, di conseguenza, fare ricche le casse comunali disperatamente a caccia di soldi freschi per contrastare il calo delle entrate e il taglio dei trasferimenti dallo Stato centrale.
Spulciando l’elenco diffuso dall’amministrazione, si trova davvero di tutto: dalle farmacie alle macellerie, dai negozi di abbigliamento alle pizzerie, passando per chioschi e ambulatori veterinari. Di sicuro, del gruppo che andrà all’asta fanno parte anche alcuni nomi e luoghi familiari ai comaschi, oltre che con passato e presente gloriosi.
Nel cuore della città murata, per esempio, entro 2 anni saranno messi in vendita (a partire da 455mila euro) gli storici locali del Bar Natta, luogo assai caro a generazioni intere di studenti della vicina Biblioteca comunale. Naturalmente, come per tutte le altre attività commerciali in questione, i titolari potranno comodamente proseguire il proprio lavoro fino alla scadenza del contratto e potranno anche partecipare alla successiva asta pubblica.
Nel 2014, sempre in centro storico, in via Cesare Cantù 53, sarà messo all’asta, con un prezzo a base d’asta di 850mila euro, un prestigioso negozio di abbigliamento. E, a pochi metri di distanza, in un cortile interno della stessa via Cantù, sempre al civico 53, l’anno prossimo il Comune venderà i locali della pizzeria “In Centro”. Si tratta del pezzo più “pregiato” della collezione: prezzo a base d’asta, un milione di euro.
Altro locale familiare ai comaschi, il chiosco sito sul Lungo Lario Trieste, poco prima di viale Geno. In questo caso, la vendita è prevista già quest’anno. E l’asta partirà da una base di 400mila euro.
Saranno messi sul mercato anche i locali delle due farmacie comunali di Tavernola (compresi alloggio e box, prezzo di base 333mila euro, vendita nel 2015) e Sagnino (2013, base d’asta a 372mila euro).
Tra gli immobili scelti da noi sul totale di 24, chiude la carrellata il “Palladium” di piazza della Tessitrice, locale storico della città, sul mercato già quest’anno. Serviranno almeno 513mila euro per aggiudicarselo.
Ad ogni modo, per chiunque volesse maggiori informazioni, sul sito www.comune.como.it si può trovare l’elenco completo, dove figurano anche, per fare qualche esempio, un deposito di officina, un ambulatorio veterinario, un rustico, un negozio per parrucchiere e molto altro.
Sul piano delle alienazioni – e sui relativi incassi – ripone molte speranze l’assessore al Patrimonio Marcello Iantorno.
«Tengo innanzitutto a precisare che non stiamo svendendo nulla e che cediamo attività che non sono funzionali alle attività dell’ente – sottolinea Iantorno – I prezzi a base d’asta sono il frutto di ben 5 stime di valore incrociate. Inoltre, abbiamo discusso con gli stessi locatari e conduttori delle attività messe sul mercato, e alla fine sono emerse le cifre finali».
Riguardo ai tempi per il lotto del 2013 (da cui Palazzo Cernezzi punta a incassare 1,8 milioni), Iantorno assicura celerità. «Stiamo già predisponendo i bandi – afferma l’assessore – entro l’anno arriveremo sicuramente alle gare».

E.C.

Nella foto:
Il prestigioso negozio di abbigliamento che sarà messo all’asta l’anno prossimo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.