Sport

Ecco il nuovo palasport Pianella: «Sarà come un piccolo Forum»

altPresentato il progetto all’ufficio tecnico di Cucciago
«Garantisco che questa non è una risposta rispetto all’annuncio del sindaco di Cantù Claudio Bizzozero. Abbiamo rispettato la tabella dei tempi che ci eravamo prefissati».
Alessandro Corrado, amministratore unico della società proprietaria del palasport Pianella, ieri ha presentato all’ufficio tecnico del Comune di Cucciago – e ha contestualmente diffuso alla stampa – il progetto esecutivo di riqualificazione dell’impianto dove, da metà degli anni ’70, gioca la Pallacanestro Cantù .

La firma è dell’architetto Massimo Novati.
Un atto che segue di poche ore l’annuncio del primo cittadino di Cantù, Claudio Bizzozero, che ha annunciato la resa sul fronte del progetto del nuovo palazzetto dello sport di Cantù, con il progetto e i lavori bloccati.
Come ha spiegato Corrado, la vicinanza delle date è soltanto casuale. L’ex presidente della società di basket vuole essere operativo. «Le idee sono chiare – dice – Il nuovo Pianella sarà ancora nel cubo, che ovviamente sarà modernizzato sotto ogni profilo. Ci sarà un lieve allargamento nei limiti consentiti dal Comune di Cucciago, il campo da gioco sarà girato rispetto alla attuale posizione e la capienza totale sarà di 5.500 posti».
«Pensiamo a una struttura polifunzionale – aggiunge Alessandro Corrado – attiva 7 giorni su 7, che ospiti eventi, concerti, incontri di altri sport, non soltanto della Palacanestro Cantù». Per esempio le partite della Libertas Volley, che gioca nel campionato di A2 maschile.
«L’idea è di creare un piccolo Forum, come quello di Assago, un impianto unico, che diventerebbe un riferimento per tutto il territorio della Provincia di Como». Per quanto riguarda i tempi di realizzazione la cronotabella è già disegnata. «Per l’approvazione ci vorranno 6-7 mesi – dice l’amministratore della società – Se non ci saranno intoppi, contiamo di partire il 1° luglio del 2015. I lavori sono destinati a durare 10 mesi». «Sono fiducioso e motivato – afferma ancora Corrado – Il costo da sostenere è di 4,5-5 milioni di euro; contiamo di avere al nostro fianco pochi e fidati partner per sostenere i costi e investire in un progetto che, ribadisco, è unico per la nostra provincia».
E tra gli interlocutori ci saranno anche i dirigenti della Pallacanestro Cantù? «Ovviamente contiamo di aprire un dialogo su questo fronte – conclude – visto che ancora una volta da parte dei privati, come negli anni ’70, quando fu costruito il Pianella, c’è la risposta concreta a un problema che può rischiare di creare seri problemi alla gestione e alla sopravvivenza della squadra».

Massimo Moscardi

 
24 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto