Risolto il giallo di Laglio

La donna trovata nel lago è una ticinese uccisa dal marito

E’ di Beatrice Sulmoni una donna di 36 anni di Castel San Pietro, paese del Canton Ticino non lontano da Balerna, il corpo trovato nel Lago di Como, davanti a Laglio, venerdì della scorsa settimana. La donna, di professione assistente sociale, sarebbe stata uccisa dal marito, che è stato arrestato nella tarda serata di domenica su ordine della procuratrice generale aggiunta Rosa Item e che ora si trova in carcere a Lugano. L’uomo, Marco Siciliano, 32 anni, fisioterapista, avrebbe ammesso in parte le proprie responsabilità. In un comunicato, la polizia cantonale svizzera spiega che ora dovranno essere ricostruite le modalità del delitto.

La donna era mamma di un bambino ed era scomparsa il 25 marzo scorso. E’ stata riconosciuta dal fratello in base alle fotografie diffuse dagli investigatori. Successivi esami hanno confermato la sua identità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.