Edilizia a Como, il mattone in crisi premia chi compra

1comoaltoIl mercato immobiliare  Il malato rimane sempre gravissimo, ma si nota un lieve miglioramento. L’uscita dal tunnel è ancora lontanissima, ma si è registrata almeno un’inversione di tendenza.  Stiamo parlando del mercato immobiliare a Como che, nel secondo semestre del 2013, ha mostrato un calo meno sensibile rispetto al 2012. Per quanto riguarda le compravendite, secondo i dati dell’Agenzia del Territorio elaborati da una ricerca delle agenzie lariane del gruppo Gabetti, nel capoluogo si sono realizzate 351 transazioni

residenziali nel primo semestre del 2013, -10,7% rispetto allo stesso semestre del 2012.
La variazione rimane negativa ma – questo è il dato consolante – con tassi che frenano la caduta rispetto a quanto delineato nel 2012, l’annus horribilis del mercato lariano dell’edilizia. Che aveva visto un totale di 703 transazioni residenziali nel 2012, -29,8% rispetto al totale registrato nel 2011.
Non cambiano le tipologie di immobili che fotografano la situazione: gli immobili caratterizzati da buon rapporto qualità/prezzo, situati nella città, hanno tempi medi di vendita più brevi. Al contrario, l’offerta di minore attrattiva è quella delle zone periferiche come Rebbio, Camerlata e Breccia, con tempi medi di vendita lunghi che possono superare i 9 mesi. Le zone meno richieste si confermano via Milano “Alta”, piazza San Rocco e Ponte Chiasso.
La crisi rimane un punto di vantaggio per chi deve comprare, in sintesi, e ha quindi margini di trattativa più ampi con chi vende, sia egli costruttore o intermediario. Lo scenario di difficoltà sul fronte dell’edilizia ha infatti reso disponibili sul mercato buone soluzioni. Per quanto riguarda le locazioni si è invece registrata una stabilità dei canoni, in un contesto di lieve aumento delle richieste.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.