Effetto Clooney

altIl rapporto tra vip e media. Il ruolo dei divi nella società “liquida” contemporanea dopo le nozze del secolo celebrate a Venezia tra l’attore Usa e Amal Alamuddin
«Oggi la visibilità è un mercato. E l’attore ha venduto la sua privacy al mondo»
George Clooney re del gossip planetario con la sposa Amal a Venezia? «Oggi la visibilità è un mercato. E l’attore ha venduto la sua privacy al mondo dei media, traducendola in una forma di esibizione».

Parola di Fausto Colombo, 59 anni, comasco, guru dei media della Cattolica di Milano. «Il divo oggi – spiega il professore – sostituisce figure mitiche di un tempo, come i regnanti, una volta gli unici a godere di pubblica visibilità. La storia ha aperto però nuovi mercati. Grazie ai quali oggi i media prosperano. Web compreso».

E anche il Lario prospera, come “Hollywood d’Italia” che oltre a ospitare set prestigiosi anche grazie a George Clooney (nella foto Mv, il divo durante le recenti riprese per uno spot a Villa Erba) vive di riflesso una stagione d’oro nella “bolla rosa” delle cronache. 

«La società oggi è come una composizione vegetale a più strati – aggiunge Colombo – dove il gossip funziona perché ci piace spiare dal buco della serratura. Da un lato, i social network invitano a un gioco di massa basato sull’uomo qualunque, dove tutti possono dire la propria opinione. Ma dall’altro lato prosperano antiche forme di protagonismo. È proprio il caso delle nozze in laguna di Clooney, una storia mitica alla “Rodolfo Valentino”, che sostituisce appunto, nell’immaginario, le favole mediatiche un tempo vissute dai sovrani. E anche la bellezza dell’Italia gioca un ruolo: il mondo del Grand Tour che vedeva protagonisti gli intellettuali europei, adesso è sostituito dal circuito dei vip a caccia di ville e resort dove tutelare la loro presunta privacy».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.