El Sisi al Comune: «Torniamo a pregare in via Pino»

Richiesta ufficiale per l’ex moschea
Il portavoce della comunità islamica: «Situazione disumana, la giunta ci dia l’ok»
L’ira della comunità islamica si abbatte sul Comune di Como. E diventa una richiesta impetuosa per tornare a pregare nell’ex moschea di via Domenico Pino, a Camerlata. A regalare questo colpo di scena non di poco conto nei rapporti spesso burrascosi tra musulmani e Palazzo Cernezzi è il portavoce dei primi, Safwat El Sisi. Il quale non nasconde che a spingerlo in territori fino a ieri impensabili è stato l’ultimo no pronunciato dalla giunta alla richiesta di poter mantenere operativo per le

preghiere il tendone allestito nella zona della Valmulini.
«Con la pioggia torrenziale di questi giorni saremo costretti a tornare nel prato davanti alla piscina di Muggiò per celebrare anche la Festa del sacrificio – sostiene El Sisi – Ora, però, dopo 6 anni dalla chiusura dei locali di via Pino, non tolleriamo più questa situazione disumana». Da qui al passaggio successivo, che fatalmente solleverà qualche polemica, il passo è breve.
«Chiediamo ufficialmente al sindaco e alla giunta di farci tornare a pregare in via Pino – afferma il portavoce dei musulmani – Io, insieme con il direttivo dell’associazione, garantirò che i partecipanti del venerdì non provochino alcun tipo di disagio ai residenti. Inoltre, non c’è da aver paura sul numero di fedeli che arriveranno: non penso saranno più di 150».
Rassicurazioni, quelle di El Sisi, che – stando così le cose – difficilmente potranno essere accolte dall’esecutivo, a meno di miracoli dell’ultimo minuto. Basti pensare che l’ultimo precedente su una richiesta della comunità musulmana è il no secco pronunciato dall’esecutivo per la proroga della permanenza del tendone provvisorio in Valmulini.

Nella foto:
Le vetrine esterne dei locali di via Domenico Pino. Nell’ex moschea non si può più pregare dal dicembre del 2005

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.