Eleonora Anna Giorgi, grandi eventi nel mirino: «Punto ai Mondiali e a Rio»

© | . . Eleonora Anna Giorgi, marciatrice, classe 1989

Vittoria e record italiano all’esordio stagionale a Dudince (in Slovacchia) sui 20 chilometri di marcia; secondo posto lo scorso fine settimana in Portogallo, è giunta seconda nella gara di Rio Major, valida per lo Iaaf Race Walking Challenge 2015 di Rio Maior, in Portogallo.
Per Eleonora Anna Giorgi, cabiatese, classe 1989, l’inizio della stagione 2015 è stato esaltante. La marciatrice comasca è il personaggio del momento dell’atletica italiana e vanta grande considerazione in vista delle Olimpiadi di Rio 2016.
«Posso essere soddisfatta – sostiene – Sono contenta per come è iniziato il 2015. Alla prima uscita è arrivato il record italiano. Un primato che conto di limare ulteriormente, visto che quando si parte non si è mai al meglio della condizione».
Anche l’atteggiamento durante le gare è comunque finalizzato ad arrivare in forma ai momenti più importanti del 2015, la Coppa Europa, tra un mese in Spagna, e i Mondiali che saranno a fine agosto in Cina.
«Esatto – spiega Eleonora Anna – Anche nello scorso fine settimana in Portogallo l’indicazione era di non forzare troppo e così ho fatto».
La cabiatese – che per ragioni di studio e per gli allenamenti si è stabilita a Milano, ma ha ancora la residenza in Brianza – ha nel mirino soprattutto i Mondiali. «Con il mio allenatore Giovanni Perricelli abbiamo già ragionato sulla trasferta iridata. In estate abbiamo pensato che sarebbe meglio lasciare Milano per proseguire la preparazione in una località con temperature più fresche».
«L’idea, poi, è di partire per Pechino 15 giorni prima della competizione per avere un adeguamento al clima che è umido e caldo, senza dimenticare il problema dell’inquinamento dell’aria».
A suon di risultati la comasca, che è cresciuta con il tecnico Vittorio Zeni di Villa Guardia, si sta proponendo in maniera prepotente all’attenzione degli appassionati. Ma sta trovando molti tifosi anche tra i “profani” della marcia. «Una cosa che mi fa molto piacere – ammette la portacolori delle Fiamme Azzurre – È bello vedere che ci sono persone che ti seguono e ti incoraggiano, soprattutto attraverso i social network». «Ma mi piace anche che, quando mi alleno al campo 25 Aprile di Milano – aggiunge – ci siano persone che chiedono di correre con me. Sono davvero contenta».
Brava nell’atletica, ma anche nello studio. Eleonora Anna, infatti, qualche mese fa si è laureata in Economia delle Pubbliche relazioni e istituzioni internazionali. Ora sta seguendo un Master alla Bicocca su sport e marketing. «Uno degli aspetti interessanti è che sto scoprendo lo sport dietro le quinte, molti aspetti organizzativi che da atleta magari non consideravo. Ora, invece, vado alle gare e noto cose che prima mi sfuggivano».
L’azzurra concilia al meglio l’attività agonistica e lo studio e prosegue un cammino che avrà come appuntamento più importante le Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016. «Non posso negare che il pensiero per i Giochi ci sia sempre – ammette – soprattutto ora che manca ormai soltanto un anno».
A Londra 2012 nella gara conquistata dalla Russa Yelena Lashmanova, la Giorgi aveva terminato 14ª. «Tre anni fa l’obiettivo era essere al via e lo raggiunsi. Ora è logico puntare a qualcosa di meglio ed essere più ambiziosi: a Rio la speranza è di essere a lottare con le migliori nella prova sui 20 chilometri».
Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.