Elezioni 2017. Arcellaschi ci prova con “Forza Como”

Palazzo Cernezzi, sede del Comune di Como

A volte ritornano. O almeno ci provano. Nella corsa alla poltrona di sindaco del capoluogo lariano spunta un nome noto alle cronache politiche. Quello di Arturo Arcellaschi, consigliere a Palazzo Cernezzi per diversi mandati, sempre (a vario titolo) nel centrodestra. Arcellaschi è titolare da anni del simbolo “Forza Como” e sta cercando di mettere insieme una lista civica.

«Mi muovo in questa direzione – dice al Corriere di Como – Spero che persone il mio progetto possa essere accolto da persone di spessore. Vedremo che cosa accadrà nelle prossime settimane». Con Arcellaschi, in questa fase, lavora Pino Zecchillo, da poco segretario a Como del movimento Idea del senatore Gaetano Quagliariello. «Abbiamo in corso una trattativa – afferma Zecchillo – e ci riuniremo ancora per valutare la situazione. La mia opinione è che si possa e si debba comunque aprire un dialogo con il centrodestra, il nostro progetto collegato alla candidatura di Mario Landriscina potrebbe diventare ancora più forte».

Chi continua a contrastare e ad opporsi fermamente al candidato ufficiale del centrodestra è invece Fucina Liberale. «Landriscina non ci rappresenta – dice Roberto Rallo, uno dei promotori del gruppo – perché frutto di una scelta compiuta nella bottega degli oligarchi di Forza Italia. Mi chiedo quale sia il consenso della base per questo candidato il quale oggi appare senza programma né idee. A mio avviso – conclude Rallo – c’è ancora tempo per discutere e trovare  una strada diversa».

Articoli correlati