Elezioni amministrative: Mariano ha scelto Giovanni Alberti. All’esponente della Lega il 55,52% dei voti

Mariano Comense

Il nuovo sindaco di Mariano Comense, centro con 25mila abitanti, è Giovanni Alberti, esponente della Lega. Su 12.684 votanti, al nuovo primo cittadino sono andate 6.822 preferenze, ovvero il 55,52% del totale. Alle sue spalle Fermo Borgonovo del Pd con 4.396 voti (35,78%) e infine la rappresentante del Movimento 5 Stelle, Carmela Colomo con 1.069 voti (8,70%). Giovanni Alberti guida una coalizione composta, oltre che dalla Lega, anche da Forza Italia, Fratelli d’Italia e da una lista civica.
«Ero fiducioso sul buon esito delle votazioni – è l’esordio del nuovo sindaco – Non si tratta di presunzione ma del fatto che siamo riusciti a formare un gruppo solido di 50 persone che ben rappresenta il tessuto sociale ed economico del paese. Abbiamo poi redatto subito un programma composto e calibrato sulle esigenze e le richieste della gente. E siamo subito partiti per due mesi di campagna elettorale molto intensa che ha dato gli esiti sperati». E i primi atti concreti saranno improntati alla più assoluta normalità amministrativa. «Ci concentreremo innanzitutto su interventi di ordinaria manutenzione come la più semplice pulizia dei marciapiedi. Piccole cose che la gente richiede, avendo ovviamente poi bene in testa progetti ben più ambiziosi che vogliamo concretizzare nel corso del mandato», aggiunge Giovanni Alberti. E subito si passa agli esempi concreti.
«Portare a termine il progetto della scuola di quartiere che manca a Perticato (zona del paese). Ovvero creare un centro che abbia all’interno le scuole materne, le elementari e le medie, così da agevolare i cittadini che potranno avere un solo punto di riferimento per l’istruzione dei figli», dice il sindaco, che non dimentica le infrastrutture. «Obiettivo sarà quello di puntare alla creazione della “tangenzialina” che dovrebbe unire la Novedratese con via per Cabiate, alle spalle del campo sportivo, per poi procedere verso il cavalcavia che porta a Giussano così da allentare la morsa del traffico. E infine vogliamo arrivare alla realizzazione, nel vecchio edificio dell’Itis, della nuova tenenza dei Carabinieri e magari inserire in quegli spazi molto ampi anche altri servizi come la Protezione civile. Si tratta di un obiettivo a cui teniamo particolarmente per garantire una sempre maggiore sicurezza ai cittadini. E infatti uno dei temi più volte segnalati dagli abitanti durante la campagna elettorale è proprio stata la richiesta di sentirsi più sicuri», chiude il sindaco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.