Emendamento al “Milleproroghe”: iniziativa trasversale in aiuto di Campione

Il Casinò di Campione d'Italia

Un’iniziativa trasversale a Montecitorio per dare ossigeno al territorio martoriato di Campione d’Italia, vittima della crisi del Casinò e trascinato nel baratro in questi due anni e mezzo di chiusura.
I deputati comaschi Chiara Braga, Alessio Butti e Giovanni Currò – appartenenti a tre estrazioni politiche completamente differenti l’una dalle altre, ovvero il Partito Democratico, Fratelli d’Italia e il Movimento 5 Stelle – hanno firmato un emendamento al decreto “Milleproroghe” che consentirà alla società di gestione del Casinò di Campione d’Italia di posticipare al 31 marzo 2021 il termine entro il quale approvare e trasmettere al ministero dell’Interno la revisione del proprio statuto.
«Una modifica – spiegano i tre deputati lariani – resa necessaria per consentire il corretto risanamento della società di gestione del Casinò, conseguente la cessazione del fallimento dopo il pronunciamento in merito della Corte di Cassazione, e funzionale al superamento della crisi occupazionale e sociale che duramente ha colpito gli abitanti di Campione d’Italia».
Ricordiamo che l’udienza davanti ai giudici del Tribunale di Como, chiamati a valutare una istanza di fallimento – la seconda – messa nero su bianco dalla Procura lariana a firma del pm Pasquale Addesso e del procuratore capo Nicola Piacente – è fissata per la giornata di lunedì. Sul tavolo c’è anche la richiesta di ulteriori 90 giorni avanzata dai legali della casa da gioco per poter completare la documentazione a compendio della richiesta di concordato. Se il Tribunale – in composizione Collegiale – non dovesse acconsentire, potrebbe decretare la fine definitiva della casa da gioco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.