Emergenza freddo, la Caritas: «No all’apertura della stazione»
Città, Cronaca, Politica, Territorio

Emergenza freddo, la Caritas: «No all’apertura della stazione»

«Da dicembre sono al lavoro 300 volontari per far fronte all’emergenza freddo». A sostenerlo il direttore della Caritas di Como, Roberto Bernasconi, che si mostra infastidito per la polemica nata negli ultimi giorni intorno ai clochard che decidono di non andare nei dormitori e passano quindi la notte al gelo.
La questione è stata sollevata da Patrizia Maesani, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale, che ha chiesto al sindaco Mario Landriscina di aprire in via eccezionale la stazione di Como San Giovanni per ospitare i senzatetto. A lei si sono aggiunti con il medesimo appello anche Svolta civica e Pd. «Sta diventando uno scoop giornalistico lontano dalla realtà – dice Bernasconi – Non è possibile che qualcuno dichiari che c’è gente che rischia di morire di freddo. La situazione è sotto controllo. Stiamo offrendo posti letto a 90 persone al Centro pastorale, 53 persone in via Napoleona, 40 alla Casa Ozanam, 20 dai missionari Comboniani a Rebbio, altri da Don Giusto Della Valle e ad alcune donne in via Borgo Vico. Abbiamo una rete che offre accoglienza al 90% dei bisognosi». A Como ci sarebbero circa 20 clochard che rifiutano un letto caldo per la notte. «Sono persone che decidono in modo autonomo di stare fuori – sottolinea Bernasconi – Esiste la libertà personale, ognuno ha diritto di gestire la propria vita come vuole e questa è la base per dare dignità alle persone. Noi dobbiamo offrire servizi a tutti, quindi anche a loro, ma non possiamo fare da balia a nessuno». Il direttore della Caritas si dice contrario alla proposta di apertura dello scalo San Giovanni di notte. «La stazione deve fare la stazione – dichiara Bernasconi – non deve essere un luogo di accoglienza. Negli anni passati era stata aperta perché mancavano altre strutture dormitorio, ora la situazione è diversa. Chi sceglie di dormire fuori probabilmente non accetterebbe neanche di andare in stazione. Due di quei 20 clochard si stanno riparando all’ingresso del Pronto soccorso del Valduce. Sono sicuro che nessuno morirà di freddo. La Caritas sta gestendo la situazione in modo ottimale e nessuno si è accorto che è passato l’inverno».

1 marzo 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto