Emergenza freddo, si cerca un luogo in città per montare la tensostruttura

Lavoro e affitti emergenza Fase 3. Covid ha ucciso 20 volontari

Intanto, in vista delle stagioni fredde, l’iniziativa “Emergenza freddo” e la mensa attualmente collocata in via Lambertenghi si spostano. Anche se, al momento, non sono state definite le nuove sedi.
Si lavora per individuare un’area su cui innalzare il tendone allestito nei mesi invernali per i senzatetto e si cercano nuovi locali nei quali far convergere le altre attività destinate ai bisognosi della città. Gli spazi del centro pastorale “Cardinal Ferrari”, in via Sirtori, sono passati di mano nei mesi scorsi, così come quelli delle Vincenziane in centro. Inevitabili, quindi, i traslochi per le attività della Caritas e delle associazioni.
A preoccupare, visti i tempi stretti e le temperature che ormai di notte sono rigide, è proprio il tendone utilizzato per l’emergenza freddo, anche se il direttore della Caritas rassicura: si partirà come ogni anno e nessuno verrà lasciato fuori. «Eravamo al corrente dei cambiamenti da mettere in atto, le preoccupazioni ci sono e nulla va sottovalutato – ha detto Roberto Bernasconi ai microfoni di Etv – ma siamo attrezzati e stiamo lavorando. Ci stiamo organizzando, non siamo ancora in grado di comunicare dove, ma siamo in contatto con le istituzioni e a breve saremo in grado di dire di più». Anche la mensa di via Tatti deve trovare un’altra sede. Al momento, l’unica certezza riguarda il servizio di “Porta Aperta”, che sorge nella stessa via e che coordina, tra l’altro, l’accesso alle mense diurne, al centro di accoglienza notturno e all’ambulatorio medico: si sposterà sotto i portici della basilica del Crocifisso di Como.
Tornando in via Sirtori, come detto, l’ala più recente (quella affacciata sul mercato coperto), è destinata a diventare una residenza sanitaria assistenziale per anziani.
La tensostruttura che veniva allestita nel chiostro del centro pastorale, a causa dell’emergenza Coronavirus, nei mesi scorsi era rimasta aperta (fino al 30 aprile). Ora, conclusa definitivamente l’estate, una soluzione diventa più urgente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.