Cultura e spettacoli

Emilio Pucci e la seta di Como

altMeravigliosi tessuti raccontano trent’anni di storia in ideale continuità con il contemporaneo
Collezioni così ricche che ogni volta che ci infili il naso scopri un mondo, e poi un altro e poi un altro ancora»: l’entusiasmo e la passione di Francina Chiara – curatrice, insieme con Margherita Rosina, della mostra dedicata a Emilio Pucci allestita nelle magnifiche sale di Villa Sucota a Como – vanno parallele alla bellezza dei tessuti di Pucci che le due hanno scovato con certosina pazienza. «Siamo partite dai libri-campionario della Ravasi di Como – spiega Francina Chiara – che fu la prima industria tessile del distretto comasco a collaborare con Pucci.

Con Giuseppe Ravasi, negli anni ’50, si passa ai tessuti a stampa e il foulard diventa l’accessorio per eccellenza». Una mostra, però, che non si è fermata alla celebrazione del genio di Pucci: «Il nostro intento era scoprire la storia di relazione tra Como e le case di moda per dimostrare quanto Como fosse davvero grande. Tengo a sottolineare che gli archivi non sono mai morti, rimettono in circolo idee e passioni».

Un lavoro alla Sherlock Holmes, quello delle curatrici. Risalire alle campionature di Pucci non è stata cosa facile. «Ciascuna scheda veniva contrassegnata con un codice, per proteggere il cliente. Alcuni tessuti erano riconoscibili a colpo d’occhio per lo stile, poi, finalmente, abbiamo identificato il codice. Oggi è passato in secondo piano, ma il tessuto è il cuore della moda, in ogni lembo sono condensati anni di esperienza e di sapere di disegnatori, lucidisti, stampatori».
Diversi i filoni che la mostra mette in luce: si comincia con il paesaggio, in primis il foulard “Capri” che riproduce i dettagli più minuti dell’isola. Vi è presente il “rosa Emilio” messo a punto dai tintori lariani proprio per Pucci. Poi le camicie, i tessuti d’ispirazione cinese, le collezioni siciliane, il filone montano che rese Pucci celebre negli States. Far conoscere agli americani la raffinatezza della moda italiana con leggerezza e senso dell’ironia, fu una sua grande abilità. E, per la seta, Como è stata sempre la sua base.
«Questa mostra si è evoluta cammin facendo – conclude Francina Chiara – in tanti ci hanno raccontato ricordi legati a Pucci o addirittura portato pezzi introvabili; solo così il museo è vivo e utile, in sinergia con il visitatore che non è solo fruitore ma parte integrante di un’identità collettiva».

19 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto