Enel: a rischio la chiusura delle centrali carbone nel 2025

Tamburi

(ANSA) – ROMA, 17 SET – "Purtroppo, se continuiamo così non si raggiungono nemmeno gli obiettivi che c’erano l’altro ieri" per la riduzione delle emissioni "perché i tempi autorizzativi sono troppo lenti, perché le centrali a carbone che vorremmo chiudere tutti quanti e che stiamo facendo di tutto e di più per chiudere al 2025, forse non si riesce". Lo afferma l’amministratore delegato d, Enel Italia, Carlo Tamburi, alla presentazione del Festival dello Sviluppo sostenibile dell’Asvis, al via il 22 settembre. "In questi giorni, con tanta indisponibilità di altri impianti e con una buona ripresa della domanda (che è un fatto positivo) hanno richiamato in esercizio impianti a carbone fermi da mesi e mesi perché, per l’inadeguatezza del sistema, servono", dice Tamburi. "Il mio auspicio – conclude Tamburi – che questo punto che è al centro del cuore dell’Enel", la decarbonizzazione, la chiusura degli impianti a carbone, la sostituzione con le rinnovabili, una rete resiliente e l’efficienza energetica, i comportamenti virtuosi dei singoli, "siano tra i tanti obiettivi dell’Agenda 2030 quelli più attenzionati dalla società civile" altrimenti, osserva l’a.d., "saranno davvero difficili da raggiungere". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.