“Erasmus Day” domani all’Insubria di Como

Università Insubria

L’Erasmus Day 2020 per gli studenti dell’Università dell’Insubria è in programma domani 13 febbraio a Como, dalle 10.30 alle 13.30 nell’aula S.0.1 del Chiostro di Sant’Abbondio. Relatori sono soprattutto i ragazzi che hanno già vissuto questa esperienza e possono raccontarla con entusiasmo; molti di loro sono iscritti all’associazione Erasmus Student Network, che interviene alla presentazione e supporta i nuovi candidati.

Promuove l’incontro Giorgio Zamperetti, professore ordinario e delegato del rettore alla Internazionalizzazione: «Gli studenti dell’Insubria non hanno ragioni per non partire: le borse che il nostro ateneo riserva alla mobilità europea sono tra le più alte e abbiamo più di 200 accordi di scambio con università di 26 Paesi. Invito gli studenti a uscire dalla loro comfort zone e a misurarsi con una dimensione internazionale che, oggi, sempre di più si configura come uno degli elementi necessari per una carriera di successo. Ricordo infatti che secondo Almalaurea Erasmus aumenta del 12 per cento la possibilità di trovare una occupazione adeguata a un anno dalla laurea».

Sono previsti anche interventi di Serena Costantini per Confindustria Como e Mario Musa, già funzionario in organizzazioni internazionali a Ginevra. La seconda parte della mattinata, dalle 12, è riservata a conoscere da vicino le modalità di partecipazione a bandi Erasmus+ Studio e Erasmus+ Traineeship, ovvero il classico periodo di studio all’estero e la possibilità di fare degli stage in enti pubblici o privati e in aziende: ne parla Luca Gallo, responsabile dell’Ufficio Relazioni Internazionali e dello staff di Relint dell’ateneo.

Dal 2000 l’Insubria ha visto partire per l’Erasmus 1541 studenti, di cui 204 stanno attualmente vivendo la loro esperienza europea, e ha a sua volta accolto in questi anni 653 studenti, 78 dei quali si trovano a Varese e Como in questo anno accademico. I paesi preferiti con cui c’è più scambio sono: Spagna, Germania, Portogallo, Polonia e Svezia. I corsi più richiesti, sia in arrivo che in partenza, sono Medicina ed Economia.  La durata del soggiorno all’estero va da un minimo di 3 mesi (2 per gli stage) a un massimo di dodici.

Per l’anno accademico 2020/2021 l’Insubria offre più di 500 destinazioni in quasi 200 università europee per l’Erasmus tradizionale. Dal punto di vista finanziario c’è disponibilità per circa 1400 mensilità di importo variabile dai 400 ai 700 euro, a seconda del paese di destinazione: significa che, considerata una permanenza all’estero media di 5 mesi, 280 studenti potranno partire con il sostegno finanziario dell’Ateneo; un sostegno che ha pochi paragoni nel panorama delle università italiane. La novità di quest’anno è che oltre alla borsa ci sarà un premio, di importo ancora da determinare, per gli studenti che conseguiranno almeno 30 crediti sostenendo gli esami nell’università straniera: «per ricordare che l’Erasmus – commenta Zamperetti – è sì una esperienza divertente ma che soprattutto ci si va per studiare seriamente, progredendo nel proprio percorso di esami».

Invece per l’Erasmus Traineeship, gli studenti sono tenuti a cercare l’organizzazione dove svolgere il tirocinio: non ci sono quindi limiti di posto. L’ateneo mette a bando circa 250 mensilità, di importo variabile dai 300 ai 700 euro: considerata una permanenza all’estero media di 5 mesi, 50 studenti possono partire con il sostegno finanziario.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.