Erba e le bombe in un quaderno che commuove

Memorie
Riemergono dopo settant’anni i pensieri scritti, nei suoi componimenti scolastici, da una bambina vittima dei tragici bombardamenti alleati del 30 settembre e del 1° ottobre 1944 a Erba, che pagò un tributo di 86 morti. L’editore comasco Dominioni ha raccolto in un volume presto in libreria questo documento storico. L’iniziativa è del giornalista Emilio Magni, uno dei superstiti del bombardamento il quale, grazie alla sorella Maria, ha ritrovato il quaderno con i temi svolti dalla piccola

Nella Ronchetti, dieci anni. A giugno, aveva terminato a pieni voti la quinta elementare e si apprestava a frequentare le “Commerciali”.
«Mi sono molto commosso – dice Magni – quando ho letto i componimenti di Nella in cui racconta Erba. In quei tempi le insegnanti (guarda il caso, la sua maestra Antonia Giacchero Verani, sarebbe diventata mia suocera) usavano condurre le scolaresche in giro a vedere i luoghi più interessanti del paese: la stazione, l’ospedale, la chiesa, il municipio, il cimitero, e poi li facevano descrivere agli scolari. Nei suoi racconti, Nella dimostra un grande interesse e addirittura quasi un orgoglio per le cose belle e importanti del suo paese. Lascia intendere, tra le righe, pure una speranza di vedere un giorno questa sua Erba ancora più bella. Purtroppo le bombe americane, di quel 30 settembre glielo hanno impedito».
Oltre al quaderno di Nella, il volume contiene cronache della tragedia e un testo storico introduttivo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.