Erba festeggia il suo museo

museo di erba

Il 18 maggio si festeggia in tutto il mondo la Giornata Internazionale dei Musei, istituita nel 1977 dall’ICOM (l’International Council of Museums, un’organizzazione internazionale che riunisce musei e professionisti del settore) allo scopo di riflettere sull’importanza del ruolo che i musei come istituzioni hanno nella società e nel suo sviluppo.

Il tema scelto per il 2021, “Il futuro dei Musei: rigenerarsi e reinventarsi”,è più che mai attuale, perché invita i Musei a reinventare il loro futuro e il loro ruolo nella società per rispondere alle importanti sfide sociali, economiche ambientali che stiamo vivendo nel presente.

Nel 2020 la crisi del Covid-19 ha sconvolto il mondo intero in maniera inaspettata, interessando ogni aspetto della nostra vita: dalle relazioni con le persone che amiamo, a come percepiamo le nostre case e città, il nostro lavoro e la nostra organizzazione. Alcune problematiche preesistenti si sono ulteriormente aggravate, mettendo in discussione la struttura stessa delle nostre società: il richiamo all’uguaglianza è ora più forte che mai.

I musei non si sono potuti sottrarre a questi cambiamenti e il settore culturale è stato tra i più colpiti, comportando ripercussioni economiche, sociali e psicologiche a breve e lungo termine. Ma questa crisi è anche servita quale catalizzatore per promuovere innovazioni fondamentali già in atto, in modo particolare la maggiore attenzione alla digitalizzazione e la creazione di nuove forme di esperienze e di divulgazione culturale.

È un momento cruciale per la nostra società e i musei vogliono di essere attori del cambiamento, ripensando la loro relazione con le comunità, di cui sono al servizio, sperimentando modelli di esperienza culturale e riaffermando con forza il valore essenziale dei musei nella costruzione di un futuro equo e sostenibile.

Anche il Museo Civico di Erba ha dovuto confrontarsi con queste sfide e si è messo alla ricerca di nuovi modi e nuovi canali per essere vicino al proprio pubblico e per portare avanti la propria missione educativa. Il nostro Museo, infatti, ricopre l’importante ruolo di custode della memoria della comunità locale e deve essere capace di divulgare e comunicare tutto il suo patrimonio, in particolare ai bambini e ai ragazzi, che, forse più di altre categorie, negli ultimi mesi hanno sofferto per le conseguenze della pandemia.

In questa ottica, è stato possibile sviluppare un progetto con il Liceo Galilei di Erba, con cui da diversi anni il Museo porta avanti una proficua collaborazione che la crisi del Covid 19 non ha affievolito, anzi ha probabilmente rinforzato. La sinergia tra le due realtà cittadine ha permesso di ideare e realizzare un progetto educativo che ha saputo sfruttare il canale digitale, introducendo elementi di innovazioni al tradizionale rapporto Scuola-Museo.

Gli studenti delle classi prime, nell’ambito delle attività di educazione civica introdotte quest’anno, hanno lavorato sul tema della Tutela, conservazione e valorizzazione dei Beni culturali a partire dall’art. 9 della Costituzione italiana. Hanno seguito una conferenza online della conservatrice del Museo Civico di Erba, dott.ssa Orsenigo, che li ha guidati a seguire la storia di un oggetto dallo scavo archeologico alla collocazione in Museo. Gli alunni delle classi 1B, 1C e 1D si sono poi impegnati a scegliere un reperto tra quelli che si possono trovare visitando il Museo di Erba e hanno redatto una semplice scheda di catalogazione. Inoltre hanno scritto dei post per la pagina Facebook del Museo per valorizzare le sue collezioni attraverso i social e proporle ad un pubblico di bambini, ragazzi e adulti.

Anche gli studenti più grandi delle classi 3A, 3B e 3G hanno incontrato il Museo e le sue opere all’interno di un progetto di PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento) proposto e coordinato dal prof Francesco Pavesi, docente di Storia dell’Arte e Disegno. Attraverso un’attività formativa a cura della stessa conservatrice del Museo di Erba e dell’arch. Simona Maspero, curatrice e operatrice di didattica museale, si sono avvicinati al mondo del museo contemporaneo e delle sue necessità di comunicazione e innovazione. In queste settimane sono impegnati a lavorare per rispondere alle richieste e necessità che il Museo ha proposto loro: un gruppo sta progettando una campagna di comunicazione social e scrivendo contenuti che nei prossimi mesi saranno pubblicati sul profilo del Museo, un gruppo sta procedendo alla revisione delle pagine internet dedicate al Museo, anche immaginando contenuti integrativi, mentre un terzo gruppo è impegnato nella redazione di uno strumento didattico ad uso dei visitatori più piccoli.

“Sono entusiasta dell’iniziativa – dichiara l’Assessore alla Cultura arch. Francesco Vanetti – ma non sono sorpreso degli ottimi risultati fin qui ottenuti perché conosco bene le capacità e le professionalità dei due autori – ispiratori che hanno lavorato dietro le quinte a questo progetto di nuova sinergia culturale cittadina: la dott.ssa Clelia Orsenigo e il prof. Francesco Pavesi. Li ringrazio due volte, dapprima per la loro intuizione e poi perché hanno saputo instancabilmente tessere e trasmettere impegno, sacrificio, passione agli attori protagonisti del progetto: gli studenti. A tutti, rivolgo il mio plauso personale e quello dell’Amministrazione Comunale che rappresento, perché – pur trovandosi nel bel mezzo della pandemia mondiale del Covid19 – hanno saputo pensare ad un progetto di sostenibilità storico-scientifico-culturale fatto di quella modernità tecnologica che doveva caratterizzare anche l’attività di un piccolo museo cittadino qual è quello di Erba. Il passaggio dalla tradizionale visita reale alla cosiddetta visita a contenuti digitali, che contraddistingue il presente progetto educativo-divulgativo, non è stato semplice ed è stato affrontato sia dai docenti e sia dagli studenti ricorrendo a sfide e a stimoli nuovi a cui gli stessi hanno risposto proficuamente. Arricchire la cultura di nuovi interessi con investimenti sostenibili è una sfida stimolante ma necessaria per raggiungere uno degli obiettivi contenuti nel progetto europeo di ripresa e resilienza in cui siamo tutti impegnati per il rilancio della nostra stessa società.”

In occasione della Giornata Internazionale dei Musei, il Museo di Erba vuole festeggiare accanto al suo pubblico e alla sua comunità, con la collaborazione degli studenti del Liceo Galilei: oggi sono stati proprio i ragazzi ad animare la pagina Facebook “Biblioteca e Museo Comune di Erba” e a contribuire a realizzare un’iniziativa on line che si interroga sul significato del Museo oggi, sfidando tutti noi a riflettere e a rispondere alla domanda “perché scegliamo di visitare un museo?”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.