Errore del 112: la famiglia nomina un consulente

Il dramma dell’ambulanza all’indirizzo sbagliato È stato assegnato ieri l’incarico per l’autopsia sul corpo di Diego Albonico, 49 anni di Como, morto martedì mattina per un malore improvviso. La sua vicenda è diventata nota per l’errore commesso, nel pieno dei soccorsi, dal 112, che ha inviato l’ambulanza del 118 all’indirizzo sbagliato, viale Massenzio Masia al posto che via Castel Carnasino. 

La famiglia dell’uomo, che viveva da solo, non era sposato e non aveva figli, ha nominato un legale – l’avvocato Noelle Meroni – che a sua

volta ha incaricato un consulente di prendere parte all’autopsia affiancando l’anatomopatologo dell’ospedale Sant’Anna di Como, Giovanni Scola.
L’esito definitivo verrà comunicato soltanto nelle prossime settimane, ma il pubblico ministero che coordina l’inchiesta – il dottor Ersilio Capone – ha chiesto di ricevere quanto prima una indicazione sia sulle cause della morte sia sul tempo.
Questo per capire quale indirizzo dare al fascicolo che al momento rimane aperto soltanto a carico di ignoti e con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. In pratica, se dall’esame autoptico dovesse risultare che il 49enne è morto nel giro di pochi minuti, allora non si renderebbe necessario andare oltre nelle indagini, in quanto il pur grossolano errore dell’operatore del 112 risulterebbe in questo caso ininfluente.
Cosa ben diversa se, invece, dovesse emergere che è passato molto tempo dalla chiamata per chiedere i soccorsi al decesso.
In questa seconda eventualità lo sbocco immediato del fascicolo sarebbe l’iscrizione sul registro degli indagati dell’operatrice che al momento la procura di Como non ha ancora identificato. Insomma, al di là degli atti già compiuti – la convocazione in questura dei barellieri e l’acquisizione delle registrazioni audio – il vero snodo fondamentale è quello di queste ore, ovvero l’autopsia sul corpo del povero 49enne di Como.

M. Pv.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.