Esami della patente, mille candidati in attesa

Patente di guida

Ci sono oltre mille comaschi, nella maggior parte dei casi giovani, da poco maggiorenni, in attesa di sostenere l’esame di guida. L’ultimo lockdown, che ha sospeso per tre settimane le sessioni pratiche, ha aggravato una situazione già complicata. Oggi ripartono le sessioni in provincia di Como, un giorno in anticipo sulla data preventivata del 3 dicembre, grazie al passaggio della Lombardia in zona arancione.
«Siamo in attesa del prossimo Dpcm che dovrebbe consentire una proroga di 90 giorni per fogli rosa e altri documenti – spiega Stefano San Romè, segretario provinciale dell’Unasca, l’Unione Nazionale Autoscuole – Sono centinaia i fogli rosa in scadenza il prossimo 13 gennaio e speriamo in una proroga al 30 aprile».
L’emergenza sanitaria e le conseguenti sospensioni hanno dato un colpo di grazia a un quadro già complesso. «In Motorizzazione sono in carenza di personale da tempo – aggiunge San Romè – Non riescono a soddisfare tutte le richieste, che si sono accumulate nei mesi. Con l’avvento del Covid la situazione è diventata insostenibile. Ad oggi non si possono più garantire le prove nei tempi adeguati. I ragazzi impiegano quasi un anno per conseguire la patente. Dopo l’esame teorico, i candidati riescono a sostenere la prova pratica circa dopo cinque mesi, non avendo poi il tempo necessario, nel caso vada male il primo tentativo, per ripeterla. È una situazione grave – sottolinea sempre San Romè – che in Lombardia riguarda in particolare le province di Como e di Bergamo».
I prossimi mesi si prospettano in ogni caso difficili, anche per chi ha urgenza di avere la patente per questioni di lavoro, ad esempio.
«Ci sono pochi esaminatori e questo non permetterà di gestire tutte le sessioni rimaste in sospeso – conclude il segretario provinciale di Unasca – A queste si aggiungeranno le nuove iscrizioni. Anche se ci sarà la proroga dei fogli rosa, già da oggi sappiamo che non riusciremo a recuperare le scadenze. Ormai ogni giorno abbiamo a che fare con clienti insoddisfatti. Il governo deve darci una mano con le assunzioni e dovremo sopperire con esaminatori esterni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.