Esce “Il supremo”, il nuovo libro di Andrea Galli

Andrea Galli

Il giornalista e scrittore comasco Andrea Galli, classe 1974, è cronista del «Corriere della sera» e ha esordito sul “Corriere di Como”. Nel gennaio 2021 ha avviato un’inchiesta sui cold case nella Milano degli anni Settanta. Tra i suoi libri: Cacciatori di mafiosi (Rizzoli, 2012), Il patriarca (Rizzoli, 2014), Carabinieri per la libertà (Mondadori, 2016), Dalla Chiesa (Mondadori, 2017), Sicario (Rizzoli, 2020, in corso di traduzione all’estero). È stato consulente per la serie televisiva Kings of Crime di Roberto Saviano.Esce ora da Piemme con un nuovo libro scritto a quattro mani con l’ufficiale dei Carabinieri Giuseppe Lumia, “Il Supremo”.  la storia di una lunga guerra, che affonda le radici nell’antica leggenda di Osso, Mastrosso e Carcagnosso, approda sulle coste del Sud per tramutarsi in mito fondativo, bagna di sangue una regione e si impone nelle odierne connection criminali tra gli hub e le metropoli d’Italia, d’Europa, del mondo. Una storia così terribile da trascendere quasi la realtà, e che ha un protagonista d’eccezione.
Cresciuto ad Archi, antico quartiere di Reggio Calabria che affaccia sullo stretto di Messina, Pasquale Condello milita precocissimo nelle cosche, diviene fidato scudiero del potente clan dei De Stefano, killer letale della prima guerra di ‘ndrangheta e stratega vincente della seconda. Fino a diventare il numero uno: il Supremo. Dal contrabbando di sigarette negli anni Settanta all’esplosione del narcotraffico su scala internazionale, passando per le confluenze con sfere corrotte dell’imprenditoria, della politica e della massoneria deviata, lo scenario in cui si esprime l’irresistibile ascesa di Condello copre trent’anni di Repubblica italiana, lasciando un’interminabile scia di efferati delitti.
Armati di una prosa che intreccia romanzo e true crime, Andrea Galli e Giuseppe Lumia tratteggiano l’epopea di un’esistenza tenebrosa e insieme un mosaico storico, antropologico e sociale della criminalità organizzata, scavando a fondo per ricostruire la genesi di un regno del Male capace di unire globale e locale, innovazione e tradizione. Ma nemmeno il potere della ‘ndrangheta è invincibile, e sul cammino del Supremo incombe un avversario più tenace, pronto a battersi senza tregua.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.