Essicatore rumoroso, risarcimento record

Tribunale Cuneo condanna Consorzio a versare 900 mila euro

(ANSA) – TORINO, 28 DIC – Il Consorzio Agrario delle province del Nord Ovest è stato condannato dal Tribunale di Cuneo, dove ha sede, a versare 900 mila euro ad una famiglia di Savigliano (Cuneo) per i rumori eccessivi causati da un essicatore di mais. L’impianto è stato costruito nel 1997 ad una sessantina di metri dall’abitazione della famiglia, costretta da allora a mettere i doppi vetri, a cambiare la disposizione delle stanze ed a rinunciare ad invitare amici a casa per il troppo rumore. "Nessun altro tribunale ha riconosciuto risarcimenti di questa portata per il danno arrecato alle persone dal rumore", sostengono gli avvocati Stefano Bertone e Renato Ambrosio, dello studio torinese Ambrosio&Commodo, che assistono la famiglia. "Ci sembra il minimo di fronte a una dimostrata lesione continuativa – aggiungono – ai danni dei nostri clienti". Il Tribunale ha anche disposto la chiusura dell’impianto, potenziato negli ultimi anni, sino a che non verranno ridotte le emissioni di rumore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.