Etichette trasparenti, garanzia per gli alimentari made in Como

Un carrello della spesa Un carrello della spesa

“Con l’obbligo di indicare sede e indirizzo dello stabilimento di produzione o di confezionamento, la rintracciabilità dei prodotti made in Como non sarà più tabù nell’etichetta degli alimenti”:
Lo ha spiegato la Coldiretti di Como e Lecco in una nota appena diffusa. “Il 5 aprile è scattato per legge l’obbligo di indicare tali informazioni – ha detto nel comunicato Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como e Lecco – Con l’obbligo arrivano anche sanzioni, in caso di inadempienza, che vanno da 2.000 euro a 15.000 euro, per la mancata indicazione della sede dello stabilimento o se non è stato evidenziato quello effettivo nel caso l’impresa disponga di più stabilimenti. Ora – continua Trezzi – insieme con lo stabilimento di lavorazione è necessario prevedere l’indicazione obbligatoria d’origine degli ingredienti poiché ancora oltre un quarto della spesa degli italiani è ancora anonima”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.