Europei, alla “20 chilometri” la Giorgi è quinta

altFatale l’ultima frazione di gara per la 24enne marciatrice. Triplo: Schembri solo 12°
È svanito proprio negli ultimi tre chilometri il sogno di conquistare una medaglia ai campionati Europei di Zurigo per la marciatrice brianzola Eleonora Giorgi.
La 24enne atleta di Cabiate, infatti, ha chiuso al 5° posto la 20 km lungo il tracciato cittadino del capoluogo svizzero dopo una gara che l’aveva vista protagonista fin dall’avvio con il gruppetto delle migliori.
Del quale, all’ultimo momento, non ha fatto parte la grande favorita della vigilia, ovvero la russa Kirdyapkina

, che è stata ricoverata in ospedale per un forte attacco febbrile.
Senza l’avversaria più accredita per la vittoria finale aumentavano così le speranze di podio per la Giorgi, forte del record italiano stabilito proprio quest’anno in 1h 27’ 05”.
Un tempo che ieri, a Zurigo, se fosse stato bissato, avrebbe regalato l’oro. Per questo al traguardo lo sguardo dell’atleta lariana non mascherava un pizzico di rammarico anche perché per oltre 15 chilometri la gara si è sviluppata secondo i suoi piani tattici.
L’atleta cabiatese è sempre rimasta nel gruppetto di testa controllando il ritmo e da vicino le avversarie più temibili per poi giocarsi tutto nel finale.
Tutto sembrava girare al meglio quando al 16° km la nostra Giorgi è passata addirittura avanti a tirare il gruppetto delle migliori. Purtroppo, però, poco dopo è stata la russa Elmira Alembekova a cambiare il ritmo e il destino della gara europea, piazzando l’allungo che poi è risultato decisivo per tagliare il traguardo con il tempo di 1h 27’ 56” davanti all’ucraina Lyudmyla Olyanovska e la ceca Anezka Drahotova.
Per la Giorgi, nella competizione in terra elvetica la beffa ulteriore è stata quella di vedersi togliere anche la quarta piazza nel rush finale dalla russa Sokolova.
Un quinto posto che bissa quello conquistato nell’ultima Coppa del Mondo in Cina e che l’atleta lariana non aveva fatto mistero di voler migliorare puntando al podio correndo quasi in casa davanti a tanti amici e parenti giunti a Zurigo per tifare per lei.
«È vero – dice Eleonora Giorgi – , il circuito era pieno di italiani che mi hanno dato una spinta incredibile e il bronzo non era lontano. Il quinto posto che ho conquistato non è un piazzamento da disprezzare e sono contenta anche se ci tenevo a conquistare una medaglia. Purtroppo, quando al 16° chilometro le mie avversarie hanno prodotto il cambio decisivo non sono riuscita a rimanere attaccata a loro: è quello che ancora mi manca, l’esperienza per reagire in questo tipo di situazioni. Diciamo che questa gara mi servirà in futuro. Comunque, questa è stata un’annata molto positiva per me: il quinto posto in Coppa del mondo, la migliore prestazione mondiale sui 5000 metri in pista e ben due record italiani nei 3000 metri indoor e nella 20 km, adesso questo quinto posto agli Europei. Non posso lamentarmi, anche se mi sarebbe piaciuto salire sul podio. Vorrà dire che ci riproverò nel prossimo futuro».
L’altro lariano in gara ieri, Fabrizio Schembri, è rimasto lontanissimo dal podio nella finale del salto triplo. Per lui 12esimo posto.

Nella foto:
Eleonora Giorgi in corsa ai campionati Europei di Zurigo. La marciatrice brianzola ha chiuso al 5° posto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.