Europei del remo, Sara Bertolasi si deve fermare

Sara Bertolasi

Niente Campionati europei di canottaggio a Poznan (in programma dal 9 all’11 ottobre) per la 32enne Sara Bertolasi, comasca d’adozione visto che è consigliere e direttore sportivo della Canottieri Lario, società per cui ha partecipato alla sua prima olimpiade (Londra 2012), anche se da anni gareggia con il body della Milano.

Dopo la fastidiosa peritendinite di inizio 2020, un nuovo problema fisico (infiammazione ai bicipiti femorali) la costringe a fermarsi ai box per non precludere il sogno di un traguardo storico, la presenza ai Giochi di Tokyo che renderebbero Sara la prima donna del canottaggio italiano ad aver gareggiato in tre Olimpiadi. «Mi immaginavo un 2020 molto diverso – ha commentato l’azzurra del remo – Un’atleta preferisce essere battuta sul campo, e non dal fisico. Vedo quasi impossibile la mia partecipazione agli Europei, ma spero di poter recuperare al più presto per poter tornare a fare ciò che mi piace e soprattutto vivere senza dolori».

A Eupilio, sul Lago di Pusiano, si è chiuso sabato il collegiale della Nazionale Under 23 verso gli Europei di categoria in programma a Duisburg sabato 5 e domenica 6 settembre. Agli ordini del capoallenatore maschile Spartaco Barbo e di quello femminile Benedetto Vitale c’è anche un nutrito gruppo di comaschi. Tra le donne, nel singolo, l’Italia sarà rappresentata da Elisa Mondelli (Moltrasio), veterana della squadra con al suo attivo già tre Mondiali nella categoria. Sul quattro senza la lecchese Giorgia Pelacchi oggi Fiamme Rosse, già Canottieri Lario, campionessa mondiale Under 23 uscente. Riserva del gruppo femminile Under 23 sarà Greta Parravicini (Lario), 20 anni e terza classificata l’anno scorso a Ioannina. Tra gli uomini grande attesa per il “quattro con” quasi tutto lariano di Matteo Della Valle (Moltrasio), Aniello Sabbatino (Savoia), Jacopo Frigerio (Lario), Davide Comini (Moltrasio) e il timoniere Filippo Wiesenfeld (Saturnia). Della Valle e Frigerio lo scorso anno vinsero il bronzo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.