Eurotour, Andalucia Masters al via con 8 azzurri

Scatta Iberian Swing

(ANSA) – ROMA, 01 SET – Dalla "UK Swing" alla "Iberian Swing". Dopo i sei tornei post ripartenza tutti nel Regno Unito l’European Tour di golf fa tappa a Sotogrande per il primo di tre appuntamenti che si disputeranno tra la Spagna e il Portogallo. Nella Costa del Sol, dal 3 al 6 settembre, va in scena – a porte chiuse, causa emergenza sanitaria – l’Estrella Damm NA Andalucia Masters. Sul percorso del Real Club Valderrama – dove nel 1997 si disputò la Ryder Cup (vinta dall’Europa per 14,5-13,5), con il Vecchio Continente capitanato da Severiano Ballesteros – saranno 8 gli azzurri in gara. Da Renato Paratore ad Andrea Pavan, da Guido Migliozzi a Edoardo Molinari. Senza dimenticare Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Francesco Laporta e Lorenzo Scalise. Questa la "flotta" italiana che, in Andalusia, tenterà il colpo grosso. Dopo l’exploit nello UK Championship Rasmus Hojgaard, nuova stella del massimo circuito continentale del green maschile, insegue il terzo successo per diventare il primo giocatore, nella storia del circuito, a calare il tris prima dei 20 anni. Diciannove candeline spente lo scorso 12 marzo, Hojgaard ha la stoffa del predestinato. Tra i favoriti al titolo anche il tedesco Martin Kaymer (ex numero 1 al mondo nel 2011), la cui ultima vittoria sull’European Tour risale al 2014, anno del trionfo allo US Open. Il teutonico a Birmingham, nello UK Championship, ha solo sfiorato l’impresa stanziandosi al 3/o posto. Nel field tanti i giocatori spagnoli con chance di successo. Tra questi Jorge Campillo e Pablo Larrazábal, entrambi già vittoriosi in stagione rispettivamente al Qatar Masters e all’Alfred Dunhill Championship. Attesa anche per l’inglese Lee Westwood, l’austriaco Bernd Wiesberger, il danese Thorbjorn Olesen, il francese Benjamin Hebert, il cinese Haotong Li e i sudafricani Brandon Stone, Justin Harding e Justin Walters, quest’ultimo reduce dal secondo posto beffa arrivato al play off – e dopo aver dominato i primi tre round – allo UK Championship. Con il pass per lo US Open (17-20 settembre a Mamaroneck, New York) già in tasca, e dopo aver vinto il British Masters, Paratore è in grado di fare la differenza in un evento che metterà in palio un montepremi complessivo di 1.250.000 euro. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.