Evade dagli arresti domiciliari, denunciato ventiduenne comasco

Controlli della polizia locale a Como

 

Controlli della polizia locale a Como Controlli della polizia locale a Como

Denunciato a piede libero un comasco di 22 anni sorpreso fuori dall’abitazione nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari. Il provvedimento era stato applicato lo scorso settembre perché l’uomo era stato trovato in possesso di un chilo e cento grammi di sostanze stupefacenti. Mercoledì scorso, il giovane è stato fermato dalla polizia locale di Como a un posto di controllo in piazza Matteotti alla guida di un ciclomotore (sprovvisto di copertura assicurativa). Il giovane ha esibito agli agenti il decreto con cui il Tribunale di sorveglianza di Varese aveva adottato il provvedimento restrittivo nei suoi confronti e, per giustificare la sua presenza in città, il 22enne aveva detto di essersi allontanato da casa per andare al Sert per un appuntamento e di aver informato anche le forze dell’ordine. Non convinti dall’atteggiamento agitato dell’uomo, gli agenti hanno effettuato delle verifiche e accertato che di fatto non c’era alcun colloquio in programma al Sert. Inoltre l’assistente sociale che il ragazzo sosteneva di dover incontrare risultava in ferie. Alla fine l’uomo ha ammesso di essersi inventato tutto e di essere uscito di casa per esigenze personali. Il Pubblico ministero di turno ha disposto di riaccompagnarlo al domicilio e di procedere alla denuncia a piede libero per il reato di evasione, punita dal codice penale con la reclusione da uno a tre anni. Il ciclomotore infine è stato sottoposto a sequestro amministrativo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.